Home Toscana Regione Toscana ‘Notte della sicurezza cibernetica’: evento online di Regione Toscana

‘Notte della sicurezza cibernetica’: evento online di Regione Toscana

234
DanteCTF 2021


Download PDF

La formula è quella di una competizione online sulla sicurezza informatica. Premi ai migliori giovani partecipanti. Uno storyboard dedicato a Dante

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Il costo dei danni causati dagli attacchi alla sicurezza informatica dei vari sistemi mondiali, negli ultimi due anni è aumentato di 100 volte, passando da 0,4 a 40 miliardi di dollari.
È il dato diffuso da Rocco De Nicola, professore della Scuola IMT, Istituzioni, Mercati, Tecnologie, Alti studi di Lucca, organizzatrice della ‘Notte della cibersicurezza’ che si terrà online sabato 19 giugno e alla quale sarà possibile assistere collegandosi a https://dantectf.it/

Il professor De Nicola ha poi sottolineato come in questo settore siano carenti le professionalità in grado di intervenire: due anni fa mancavano 2,5 milioni di addetti a livello mondiale. Oggi il loro numero è salito a 3,5 milioni.

Ha detto il Presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani:

Parlare della sicurezza informatica è oggi sempre più fondamentale perché garantirla è essenziale. Ringrazio quindi l’Assessore Ciuoffo per il lavoro che, insieme ai nostri uffici, sta facendo in questa direzione.

La Regione Toscana sta diventando un centro di riferimento in questo senso per numerosi soggetti e contiamo molto, anche con iniziative come la notte della sicurezza, di riuscire a coinvolgere un numero sempre crescente di giovani, formandoli perché possano acquisire la necessaria professionalità in questo settore.

Aggiunge l’Assessore regionale alle reti informatiche, Stefano Ciuoffo:

Ci rivolgiamo soprattutto al sistema delle piccole e medie imprese, con un progetto pluriennale che parte da una fase di monitoraggio dei problemi.

Dobbiamo essere in grado di fare bene i conti con la sicurezza informatica e di creare una quota di competenze aggiuntive, investendo nei sistemi di sicurezza.

Per questo ci rivolgiamo ai giovani, perché in loro vediamo i possibili nuovi tutori della sicurezza delle nostre imprese. Queste devono essere capaci di intraprendere percorsi di innovazione tecnologica ed informatica.

Print Friendly, PDF & Email