Home Territorio ‘Non si sa come’ al Teatro Cardinal Massaia

‘Non si sa come’ al Teatro Cardinal Massaia

377
Compagnia Teatrale Eleftherìa 'Non si sa come'


Download PDF

In scena il 20 aprile a Torino

Riceviamo e pubblichiamo.

La Compagnia Teatrale Eleftherìa porta in scena sabato 20 aprile, ore 20:45, al Teatro Cardinal Massaia di Torino, ‘Non si sa come’ di Luigi Pirandello. Diretta da Claudio Destino e Federica Tucci, la pièce, in tre atti, vede protagonisti, oltre agli stessi registi, Lorenzo Beatrice, Nicolò Lasciato e Manuela Marascio.
Siamo in una raffinata villa italiana degli anni Trenta, dove il lusso e il bon ton regnano sovrani. È qui che prende corpo una storia – solo al’apparenza banale – di tradimenti, menzogne e “delitti innocenti”, che smuove la quotidiana monotonia dei personaggi per trascinarli in un continuo processo di immersione ed emersione dall’abisso della “follia”, dove rimorso, giustizia e consapevolezza cedono ben presto il posto all’impulsività più incontrollabile.

Appare, infatti, come un fulmine a ciel sereno la sciagurata notizia portata dal marchese Nicola Respi a casa dei coniugi Vanzi: il conte Romeo Daddi è improvvisamente impazzito. E la manifestazione più evidente di un tale “guasto” nella sua testa la si ritrova nel sospetto per la moglie Bice, accusata di aver corrisposto la corte insistente dello stesso Respi. Una mania persecutoria originata in realtà da un omicidio “involontario” compiuto da ragazzo – il “ritorno d’un sogno sepolto” – che riemerge dall’oblio dopo un secondo delitto consumato in segreto. È il tradimento, lo squarcio nel cielo di carta di quella gabbia sociale che per Pirandello è la famiglia.

Una passione vissuta fugacemente dall’irrequieto Romeo con l’ammaliante Ginevra Vanzi, in un’assolata mattina d’estate, all’insaputa del caro amico Giorgio e della moglie Bice, modello di virtù, “limpida come l’acqua marina”.

Ed ecco che nello svelarsi delle “affinità elettive”tra i personaggi, Pirandello dipana la summa di tutta la sua filosofia.

Fortuna, che tutta la vita è così! Non si sa come! E la volontà non ci può nulla!

mette in bocca l’autore a Romeo, ultimo grande inetto partorito dalla sua penna.

Ma se l’incanto ti prende così forte che non puoi più sapere quello che fai? Avviene! Avviene! Non sei più tu; non sai nemmeno dove sei, con chi sei.

Spiegano i registi:

Il nostro intento, con questo spettacolo, è di portare alla luce e denunciare diversi temi: quello della responsabilità per le azioni compiute, l’esasperazione della borghesia sempre uguale a se stessa, e, ancora, la giustizia, che vede come unico vero tribunale la coscienza, e l’istinto dell’uomo, il cui desiderio è quello di svincolarsi dagli schemi che talvolta la società impone.

Eleftherìa viene fondata a Torino nel 2016 da Claudio Destino e Federica Tucci come associazione culturale no profit operante nel campo della recitazione. Il nome scelto, dal greco “libertà”, vuole richiamare la libera espressione delle emozioni, del sentimento e della creatività teatrale fulcro dell’attività della Compagnia. Dopo ‘Delirio a due’ di Eugène Ionesco e ‘Pinteresque’ di Harold Pinter, questo è il terzo spettacolo realizzato.

Costo del biglietto:
€12,00 -intero
€8,00 – ridotto minori di 18 anni, over 65 e studenti universitari fino ai 26 anni

Per informazioni e prenotazioni:
eleftheria.teatro@gmail.com 

Print Friendly, PDF & Email