Home Territorio ‘Napoli, promemoria’, presentazione libro

‘Napoli, promemoria’, presentazione libro

811
'Napoli, promemoria. Storia e futuro di un progetto per la città'


Download PDF

Il 26 giugno al PAN

Riceviamo e pubblichiamo.

Martedì 26 giugno, ore 17:00, presso il PAN Palazzo delle Arti Napoli si terrà la presentazione del libro ‘Napoli, promemoria. Storia e futuro di un progetto per la città’ di Vezio De Lucia, Donzelli Editore.

Con l’autore intervengono:
Luigi de Magistris, sindaco di Napoli;
Tomaso Montanari, storico dell’arte.

Il libro racconta la storia del lungo filo rosso che lega il piano delle periferie del sindaco Maurizio Valenzi, negli anni Settanta e Ottanta, alle dirompenti novità introdotte negli anni Novanta dalle sindacature di Antonio Bassolino, fino alle attuali giunte guidate da Luigi de Magistris, che ha difeso con determinazione il progetto Bagnoli confermando i caratteri distintivi e durevoli dell’esperienza urbanistica di Napoli.

Di questa storia, ormai quarantennale, Vezio De Lucia è stato protagonista.

La sua vita professionale e intellettuale – scrive nella prefazione Tomaso Montanari

dimostra alla mia generazione che è ancora possibile, nonostante tutto, non dover scegliere tra essere fedeli alle proprie idee o poter incidere sulla realtà. De Lucia non ha scelto tra rigore e pragmatismo: non è arretrato di un millimetro, non ha tradito.

Ma il libro racconta anche una storia plurale, vissuta insieme da un gruppo di urbanisti pubblici che hanno dedicato la loro vita al riscatto di Napoli.

Scrive ancora Montanari:

L’ufficio urbanistico, i ragazzi del Piano, il Partito comunista sono i veri eroi collettivi di questo libro.

Un libro denso e conciso che, senza nascondere contraddizioni, limiti ed errori, descrive puntualmente la sostanza e la forma del nuovo piano regolatore approvato nel 2004, l’unico di una grande città a non prevedere zone di espansione.

Emerge dal libro un’altra Napoli, che ribalta l’immagine di “città simbolo della speculazione” e quella abitualmente raccontata dalle cronache: una Napoli in cui il sessanta per cento del territorio comunale è rigorosamente tutelato; in cui, caso pressoché isolato, è vigente una disciplina scientifica per i centri storici; in cui l’urbanistica è coordinata con il trasporto pubblico su ferro. Una Napoli, infine, in cui Scampia non è più Gomorra, ma è attraversata da una vitalità prorompente.

Print Friendly, PDF & Email