Home Campania Comune di Napoli Napoli, Giunta adotta PUA per ex area NATO di Bagnoli

Napoli, Giunta adotta PUA per ex area NATO di Bagnoli

246
ex area NATO di Bagnoli a Napoli


Download PDF

Dichiarazione dell’Assessore Piscopo

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Comune di Napoli.

La Giunta, su proposta dell’Assessore all’Urbanistica Carmine Piscopo, ha adottato il Piano Urbanistico Attuativo per l’ex area NATO di Bagnoli (ex Complesso Ciano.
Il Piano è il risultato di un lungo lavoro svolto in sinergia dall’Amministrazione Comunale con la Fondazione Banco Napoli per l’Assistenza all’Infanzia proprietaria del Complesso, la Municipalità 10 e la collettività che ha preso parte, attraverso assemblee partecipate, alle fasi di redazione del progetto.
Il Piano prevede, attraverso forme convenzionate con il Comune e la Municipalità, di destinare l’ex base Militare NATO ad attrezzature sportive, istruzione, attrezzature di interesse comune, ricettive, per il tempo libero e per ‘ospitalità, attività di ricerca produttive e terziarie e attività socio-assistenziali.

La progettazione ha tenuto conto di criteri di accessibilità e fruibilità, attraverso l’apertura della grande Piazza Centrale e dell’asse finale del viale della Liberazione per eventi e manifestazioni, insieme con criteri di sostenibilità ambientale ed ecologica, mediante l’introduzione di sistemi di mobilità non inquinanti e una gestione innovativa del ciclo dei rifiuti.

Dichiara l’Assessore Piscopo:

L’adozione del Piano rappresenta un risultato importante per la trasformazione dell’ex base militare NATO in un’attrezzatura collettiva e sociale di scala metropolitana, aperta principalmente ai giovani e al quartiere.

Ringrazio gli Uffici dell’Urbanistica, la Fondazione FBNAI, il dipartimento di Architettura e il Rettorato dell’Università di Napoli Federico II, la Municipalità, l’Osservatorio Beni Comuni e quanti tra cittadini, associazioni e movimenti hanno concretamente partecipato, mediante tavoli tecnici e incontri pubblici, alla restituzione alla città di un’area che da luogo militare oggi si apre a percorsi sociali, inclusivi e di pace.

Print Friendly, PDF & Email