Home Territorio Napoli: al Vomero scale mobili ancora in lockdown

Napoli: al Vomero scale mobili ancora in lockdown

159
Napoli, Vomero, via Cimarosa, scala mobile ferma


Download PDF

Disagi per le persone anziane o con problemi di deambulazione

Riceviamo e pubblichiamo.

Anche se i vomeresi, dopo circa due mesi di quarantena, sono tornati a passeggiare per le strade del quartiere, devono però fare i conti con i consueti disservizi delle poche strutture pubbliche, create per agevolarli nel loro cammino, specialmente a favore delle persone anziane o con problemi di deambulazione.

È l’amara constatazione di Gennaro Capodanno, Presidente del Comitato Valori collinari.

Sottolinea Capodanno:

Situazioni che si protraggono purtroppo da lustri e che, giustamente, sortiscono rabbia e proteste. Il discorso riguarda in particolare le tre rampe di scale mobili, che costituiscono il sistema intermodale di collegamento tra le funicolari e la stazione di piazza Vanvitelli del metrò collinare, le quali, da quando sono state inaugurate sono rimaste, a turno, in più occasioni ferme.
Proprio per questa ragione sono state ribattezzate ironicamente “scale immobili”.

Oramai non si contano le volte che almeno una delle rampe non può essere utilizzata dalle tante persone che devono raggiungere l’area di San Martino.

In particolare, al momento è ancora chiusa, così come peraltro era stato già segnalato prima dell’emergenza Covid-19, la rampa di collegamento presente in via Cimarosa, nei pressi della stazione superiore della funicolare Centrale, benché il motivo di tale fermo e la sua presumibile durata risultano del tutto ignoti, dal momento che sulla grata posta all’ingresso, chiusa con catenaccio, non vi è apposto alcun avviso.

Peraltro, anche l’impianto citofonico, posto su una colonnina nei pressi della rampa, è guasto.

A seguito dei numerosi fermi che ne hanno caratterizzato negli anni il funzionamento, anche in considerazione del dato che per la realizzazione di questi impianti di collegamento intermodale ci vollero ben due anni con una spesa di circa 4 miliardi delle vecchie lire, si è più volte chiesto, a tutt’oggi però senza riscontri operativi, che venisse istituita una commissione d’indagine pure al fine di verificare i motivi di questi frequenti guasti e le ragioni dei lunghi tempi di riparazione.

Sulla questione Capodanno sollecita, ancora una volta, l’Amministrazione comunale a intervenire con l’urgenza del caso, al fine di assicurare un sistema di collegamento intermodale efficiente e sempre funzionante, a servizio della numerosa utenza.

Print Friendly, PDF & Email