Home Rubriche Panorama geopolitico Messaggio di sostegno di Washington alla Repubblica di Moldavia

Messaggio di sostegno di Washington alla Repubblica di Moldavia

848
USA e Repubblica di Moldavia


Download PDF

Ha già fatto il giro del mondo la recente dichiarazione della Presidente della Repubblica di Moldavia, Maia Sandu, secondo la quale, ci sono informazioni su un piano russo per un colpo di stato a Chisinau.

Afferma Maia Sandu:

Il piano per il prossimo periodo prevede azioni col coinvolgimento di sabotatori con background militare, mimetizzati in abiti civili, addestrati a intraprendere azioni violente, attacchi alle istituzioni statali e presa di ostaggi.

Il rispettivo piano verrebbe messo in pratica da persone al di fuori della Repubblica di Moldavia, che compirebbero azioni violente.

Nel testo citato si afferma anche che le autorità moldave faranno tutto il necessario per proteggere lo Stato e i cittadini, la pace e l’ordine pubblico.

Possiamo ritenere che quanto sopra descriva fedelmente lo specifico modus operandi delle operazioni speciali intraprese dalla Federazione Russa nel corso del tempo, in diversi Paesi.

Va notato che, recentemente, il Ministro degli Esteri russo, Serghey Lavrov, ha dichiarato che la Repubblica di Moldavia è il prossimo Paese che conoscerà il destino dell’Ucraina, come sanzione per la politica filo-occidentale.

Inoltre, la Federazione Russa ha condotto e continua a condurre una vera e propria guerra ibrida contro la Repubblica di Moldavia, attraverso la quale cerca di bloccare il suo cammino europeo.

L’approccio dell’attuale potere a Chisinau per avvicinare sempre più il Paese all’Unione europea – nel giugno 2022, la Repubblica di Moldavia ha registrato un successo storico ottenendo lo status di Paese candidato all’UE. – è visto con forte ostilità da Mosca.

In questo delicato contesto per la Repubblica di Moldavia, i messaggi di sostegno provenienti dalle cancellerie occidentali sono estremamente importanti.

Forse quello più enfatico viene da Washington, attraverso la voce del coordinatore delle strategie di comunicazione del Consiglio di Sicurezza Nazionale della Casa Bianca, John Kirby, che ha affermato che gli Stati Uniti

sono decisamente al fianco del governo moldavo e del popolo moldavo.

Questa reazione degli Stati Uniti a favore di Chisinau non è nuova. Sin dalle prime settimane dei conflitti in Ucraina, alti funzionari americani hanno lanciato annunci di sostegno alla Repubblica di Moldavia.

Durante la visita di inizio marzo 2022, da Chisinau, il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato il fermo sostegno alla

sovranità e integrità territoriale della Repubblica di Moldavia.

Gli Stati Uniti, in quanto esponente di spicco della comunità occidentale, ribadiscono il proprio sostegno al governo filo-occidentale di Chisinau, legittimato dalla volontà della maggioranza dei cittadini moldavi, e implicitamente alle riforme da esso intraprese.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Antoniu Martin

Antoniu Martin, storico e analista politico rumeno, specializzato nella storia recente e geopolitica. Ha pubblicato diversi libri sul comunismo rumeno e dell'Europa Orientale, nonché studi e articoli su argomenti di attualità nel campo delle relazioni internazionali.