Home Territorio Estero Marocco: Mohammed VI chiede prezzi accessibili a tour operator

Marocco: Mohammed VI chiede prezzi accessibili a tour operator

475
Mohammed VI


Download PDF

Il re marocchino esorta le compagnie di trasporto a facilitare il rientro in patria dei residenti all’estero per le ferie

Il re del Marocco, Mohammed VI, ha chiesto ai tour operator e alle compagnie di trasporto di applicare tariffe accessibili a tutti per consentire il rientro dei residenti all’estero durante le vacanze estive.

Secondo quanto si legge in una nota della casa reale di Rabat, il Re Mohammed VI ha sempre espresso particolare attenzione per i membri della comunità marocchina residenti all’estero ed impartito le sue istruzioni alle autorità competenti e a tutti coloro che si occupano del settore dei trasporti, affinché si adoperino per facilitare il loro rientro nel Paese a prezzi accessibili.

In questo contesto il capo di Stato marocchino ha ordinato a tutte le parti interessate nel settore del trasporto aereo, in particolare la società Royal Air Maroc, e nel trasporto marittimo, di garantire la pratica di prezzi ragionevoli alla portata di tutti, nonché garantire un numero sufficiente di posti al fine di consentire alle famiglie marocchine all’estero di tornare nel Paese e ricongiungersi con le proprie famiglie e parenti, in particolare nel contesto della pandemia da Covid-19.

Ha esortato tutti gli operatori del turismo, sia nel campo dei trasporti che dell’ospitalità, a recepire le disposizioni per accogliere i membri della comunità marocchina residenti all’estero nelle migliori condizioni e ai migliori prezzi.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.