Home Territorio Estero Marocco: Mohammed VI apre programma investimenti verdi

Marocco: Mohammed VI apre programma investimenti verdi

312


Download PDF

Presiede la cerimonia di presentazione del nuovo programma del Gruppo OCP che ruota attorno all’aumento della capacità di produzione di fertilizzanti, impegnandosi a raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2040

Il Re del Marocco, Mohammed VI, ha presieduto il 3 dicembre presso il Palazzo Reale di Rabat, la cerimonia di presentazione del nuovo programma di investimenti verdi del gruppo OCP, 2023 – 2027, e firmato il memorandum d’intesa tra il governo e il gruppo OCP relativo a questo programma.

Questa cerimonia fa parte dell’orientamento proattivo guidato dal Capo di Stato marocchino da diversi anni, in termini di transizione verso energie verdi e un’economia a basse emissioni di carbonio.

Fa seguito alla riunione di lavoro presieduta dal sovrano il 22 novembre, dedicata allo sviluppo delle energie rinnovabili e alle nuove prospettive in questo settore.

All’inizio della cerimonia, il Presidente e Amministratore Delegato del gruppo OCP, Mostafa Terrab, ha presentato i risultati del primo programma di investimenti del gruppo che ha reso possibile ancorare saldamente l’OCP nel mercato dei fertilizzanti. Dopo aver triplicato la sua capacità di produzione di fertilizzanti, il gruppo OCP è ora posizionato come uno dei principali produttori ed esportatori mondiali di fertilizzanti fosfatici.

Il gruppo si è affidato alle capacità di ricerca e sviluppo dell’Università Politecnica Mohammed VI per cogliere le opportunità offerte dalle nuove tecnologie industriali e digitali e sviluppare competenze nelle tecnologie innovative per la fertilizzazione razionale anche per affrontare le sfide di agricoltura sostenibile e sicurezza alimentare.

Terrab ha presentato il nuovo programma di investimenti verdi del gruppo OCP. Questo programma ruota attorno all’aumento della capacità di produzione di fertilizzanti, impegnandosi, al contempo, a raggiungere la neutralità del carbonio prima del 2040, sfruttando la fonte unica di energie rinnovabili e i progressi del Regno in questo settore.

Investendo in energia solare ed eolica, il gruppo prevede di fornire a tutti i suoi stabilimenti industriali di energia verde entro il 2027. Questa energia priva di emissioni di carbonio alimenterà le nuove capacità di desalinizzazione dell’acqua di mare per soddisfare sia le esigenze del gruppo che la fornitura di acqua potabile e irrigua alle aree limitrofe ai siti OCP.

L’investimento aiuterà il gruppo, primo importatore mondiale di ammoniaca, a liberarsi finalmente da queste importazioni investendo anche nel settore delle energie rinnovabili – idrogeno verde – ammoniaca verde, permettendogli di entrare con forza nel mercato del sovescio e delle soluzioni di fertilizzazione adattato alle esigenze specifiche di diversi terreni e colture.

Questa ambizione sarà sostenuta da programmi di sostegno alle PMI industriali e dei settori energetico e agricolo, promuovendo l’emergere di un ecosistema nazionale innovativo e la creazione di nuove opportunità di lavoro e di inserimento professionale per i giovani.

Il nuovo programma, che consoliderà la posizione globale di OCP, prevede un investimento complessivo di circa 130 miliardi di dirham nel periodo 2023 – 2027, il raggiungimento di un tasso di integrazione locale del 70%, il sostegno a 600 imprese industriali marocchine e la creazione di 25.000 posti di lavoro diretti e indiretti.

A tal fine, il Re ha presieduto la firma di un protocollo d’intesa relativo a questo programma di investimenti, tra il governo e il gruppo OCP.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.