Home Territorio ‘Magnificat’ e ‘Bartleby, lo scrivano’ a Il Teatro cerca Casa

‘Magnificat’ e ‘Bartleby, lo scrivano’ a Il Teatro cerca Casa

159
Magnificat


Download PDF

In scena il 16 maggio a Torre del Greco (NA) e il 18 maggio a Napoli

Riceviamo e pubblichiamo.

Doppio appuntamento con il Teatro e la Musica a Il Teatro cerca Casa, che giovedì 16 maggio ore 19:30 si trasferisce a Torre del Greco (NA) per portare in scena ‘Magnificat. Un incontro con Maria’, tratto dall’opera della poetessa Alda Merini, con Caterina Pontrandolfo, mentre sabato 18 maggio a Napoli, zona Vomero, alle ore 20:30, va in scena ‘Bartleby, lo scrivano’, tratto dal racconto di Melville e interpretato da Enzo Salomone.

A chi prenota verrà fornito l’indirizzo del luogo che ospita lo spettacolo.

Straziata e illuminata insieme è la Maria del ‘Magnificat’ di Alda Merini, un monologo diviso in brevi canti, in cui a poco a poco riconosciamo l’intera vita di Cristo.

Nel suo incontro con Maria, la Merini fa valere due ascendenze importanti: la lirica infuocata di splendente ascesi come si ritrova in una Teresa D’Avila, e la lirica radiosa dell’amore fertile come si ritrova nel Cantico dei Cantici.

L’idea è che il monologo tra poesia e prosa, lasci spazio al canto e alla melodia, sia mettendo in melodia alcuni versi del ‘Magnificat’ meriniano, sia interpretando con canti della tradizione mediterranea, il monologo stesso.

Le melodie originali composte per lo spettacolo sono melodie originali scritte e cantate da Caterina Pontrandolfo.

Chi è realmente questo enigmatico scrivano che nella New York del 1853, nel tempio del capitalismo americano in pieno decollo, Melville, contrappone ad un Avvocato, io- narrante del racconto, che ha avuto la disavventura di accoglierlo nel suo studio al n.*** di Wall Street?

E che dopo un primo periodo di onesto, probo, lavoro di copiatura e controllo di atti legali, si permette di rifiutare progressivamente qualsiasi altra attività con la misteriosa, sconcertante, ossessiva e tuttavia gentile espressione: ‘I would prefer not to’… Preferirei di no?

Eppure, l’Avvocato a cui si contrappone non è il rappresentante di un potere autocratico e cieco.

È religioso, anglicano, pieno di scrupoli ‘umani’, gentile, dialogante, permissivo, inclusivo, democratico, borghese. Ciononostante, Bartleby gli nega ogni tentativo di dialogo.

Chi è Bartleby, un anarchico, un marxista, un rivoluzionario? Un non-violento alla Thoreau? O è solo uno schizofrenico? Un autistico adulto? O un Giobbe del XIX secolo? Oppure è il risultato di una errata alimentazione alternativa? Mangia solo focaccine allo zenzero. Oppure è Melville stesso in crisi d’identità?

Chissà quante fantasiose definizioni si potrebbero aggiungere ancora a queste. Ma, tralasciando l’ansia di definizione di Bartleby, quella sua solitaria, intransigente opposizione rimanda a tutte le violenze che nel secolo scorso hanno caratterizzato i tentativi di ribellione, di opporsi, di dire no, operati da uomini organizzati o da solitari oppositori, che si rifiutavano di soggiacere alla condizione del ‘lavoro alienato’, di ‘copiare’ appunto, e assumendo come metafora il racconto di Melville, quella lancinante, anarchica, per quanto inutile e autolesionistica, risposta ossessiva di Bartleby, risuona oggi, in un’epoca sempre più discriminante ed esclusiva, terribilmente profetica e attuale.

Per assistere agli spettacoli della rassegna organizzata da Livia Coletta e Ileana Bonadies, è necessaria la prenotazione chiamando al 334-3347090 – 347-0963808 – 081-5782460, oppure attraverso il sito www.ilteatrocercacasa.it

Enzo Salomone

Print Friendly, PDF & Email