Home Lombardia Regione Lombardia Lombardia, via libera al Programma Operativo 2021 per la Cultura

Lombardia, via libera al Programma Operativo 2021 per la Cultura

249
Selene Pravettoni


Download PDF

La relatrice Pravettoni: ‘Giusto equilibrio per affrontare crisi e guardare al futuro’

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia.

Via libera all’unanimità da parte della Commissione Cultura, presieduta dal Consigliere Curzio Trezzani, Lega, al Parere sul Programma operativo annuale per la cultura 2021.

Il testo, relatrice la Consigliera leghista Selene Pravettoni, è stato oggetto di un lungo confronto sia fra i Commissari sia con gli operatori dei vari settori interessati e fotografa una situazione fortemente condizionata dagli effetti della pandemia e delle misure di contenimento del contagio da Covid-19.

Un programma, che se da un lato deve fare i conti con gli inevitabili problemi che hanno colpito il mondo della cultura, dall’altro non rinuncia a mettere in atto un disegno strategico che continui a sostenere il sistema lombardo, senza perdere l’occasione di cogliere dalla crisi in atto le opportunità di cambiamento secondo una ‘vision’ profondamente trasformata.

Ha dichiarato il Presidente della VII Commissione Trezzani:

Sono soddisfatto per come si sono svolti i lavori che hanno portato all’approvazione di questo Piano Annuale per la Cultura 2021, per l’interlocuzione avuta con i vari stakeholders nelle audizioni e per la disponibilità di tutti i commissari, di maggioranza e minoranza, e dell’Assessore regionale alla Cultura Galli.

Parliamo di 14 milioni e 700 mila euro in conto corrente e di quasi 19 milioni di euro di investimenti che daranno sicuramente un grande slancio alla cultura in tutta la Lombardia.

Parole cui fanno eco quelle della relatrice del testo.

Ha osservato Pravettoni:

Non dobbiamo dimenticare da quale difficile periodo stiamo uscendo. Siamo riusciti a trovare un giusto equilibrio fra la fase di emergenza e la visione che ci proietta verso il futuro, auspicando che entro la fine di quest’anno possa avviarsi la vera ripartenza.

Astenuto il PD, che con il Consigliere Fabio Pizzul

pur apprezzando la modalità con la quale si è affrontato il Piano annuale

ha voluto rimarcare che

siamo ancora lontani da quella che potrebbe essere una sufficienza di attenzione nei confronti dei vari settori. E soprattutto siamo molto in ritardo. Suggerisco all’Assessorato di iniziare a lavorare fin d’ora al Piano 2022.

Posizione di astensione anche dal M5S.

Ha affermato il Consigliere Raffaele Erba:

Riconosciamo la grande propositività emersa dal dibattito, ma auspichiamo che in relazione a certi temi, come le questioni legate alla sicurezza e alla stabilità del lavoro o la sinergia con altri assessorati a partire da quello del Turismo, venga prestata maggiore attenzione, iniziando a lavorare fin da subito.

Print Friendly, PDF & Email