Home Lombardia Regione Lombardia Lombardia, nuova legge volontari emergenza urgenza: il grazie di Romani

Lombardia, nuova legge volontari emergenza urgenza: il grazie di Romani

220
Federico Romani


Download PDF

Il Presidente del Consiglio regionale: ‘Impegno quotidiano che consente di salvare molte vite e regalare ogni giorno speranza e fiducia a migliaia di famiglie lombarde’

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Lombardia.

Alta formazione, professionalità specializzata e tecnologia sono le parole chiave alla base dell’attività di AREU, che costituisce un’eccellenza unica nell’intero panorama nazionale e motivo di orgoglio per Regione Lombardia.

Con la legge che abbiamo approvato oggi e che riconosce e valorizza le attività del soccorritore, dell’autista soccorritore e del tecnico di centrale operativa della rete di emergenza urgenza preospedaliera vogliamo dare il giusto e necessario merito innanzitutto ai tanti operatori dell’Agenzia Regionale dell’Emergenza Urgenza, ma anche ai tanti volontari del Terzo Settore e delle associazioni che operano sul territorio in questo campo.

A loro va il grazie dell’istituzione regionale per il loro impegno quotidiano che consente di salvare molte vite e regalare ogni giorno speranza e fiducia a migliaia di famiglie.

Lo sottolinea il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Federico Romani commentando l’approvazione unanime oggi in Consiglio regionale della legge che riconosce, promuove e valorizza le figure dei volontari dei servizi di emergenza urgenza, e che fa seguito alla visita che il Presidente Romani in occasione del 160° anniversario della fondazione della Croce Rossa Internazionale aveva fatto l’autunno scorso presso la Struttura Formazione IR&TeC di AREU in viale Monza e successivamente presso la centrale operativa di SOREU Metropolitana.

Il Presidente Romani prosegue:

Questa legge riconosce la funzione sociale che rivestono i volontari e investe sulla loro formazione e professionalità, accogliendo le loro stesse richieste.

Attraverso percorsi formativi adeguati sarà ora possibile consentire a queste figure di svolgere attività di soccorso e di primo intervento conformemente ai protocolli in uso presso il servizio di emergenza territoriale.

Print Friendly, PDF & Email