Home Lombardia Regione Lombardia Lombardia, fusione di Comuni, truffe agli anziani e legge elettorale

Lombardia, fusione di Comuni, truffe agli anziani e legge elettorale

274
Palazzo Pirelli


Download PDF

I documenti approvati dal Consiglio regionale

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia.

Dopo l’approvazione del Bilancio, i lavori del Consiglio regionale sono proseguiti con la discussione e la votazione di tre documenti e due mozioni urgenti.

Vendrogno e Bellano saranno un Comune unico
Il Comune di Vendrogno sarà incorporato “già all’inizio del 2020” nel Comune di Bellano (LC). Con la decisione unanime del Consiglio termina l’iter avviato a settembre dalle due amministrazioni comunali lecchesi. La fusione è stata voluta, e confermata anche dalla consultazione referendaria, come strumento di riordino territoriale, in grado di offrire risparmi di gestione, semplificazione e razionalizzazione amministrativa.

I due Comuni, che avevano costituito già dal 2016 l’Unione dei Comuni di Vendrogno e Bellano, con il trasferimento di alcune funzioni previste dall’articolo 19 del D.L. n. 9, sono storicamente legati sotto molti aspetti, quali l’integrazione tra le famiglie, la fruizioni per gli abitanti di Vendrogno dei servizi presenti a Bellano e la prossimità territoriale. Relatore del provvedimento è stato Alex Galizzi , Lega. Soddisfazione per la conclusione “di questo percorso fortemente voluto dal territorio”, è stata espressa in Aula dal Consigliere Mauro Piazza (FI).

Semaforo verde bipartisan a Risoluzione contro le truffe agli anziani
Via libera all’unanimità da parte del Consiglio alla proposta di Risoluzione relativa alla prevenzione delle truffe agli anziani, relatrice la Consigliera leghista Alessandra Cappellari. Il documento impegna l’Aula di Palazzo Pirelli a istituire il mese per la prevenzione e il contrasto alle truffe ai danni delle persone anziane, da individuarsi nel mese di ottobre in cui ricade la festa dei nonni,2 ottobre. E impegna l’Assessore competente e la Giunta regionale a predisporre la realizzazione di uno spot di sensibilizzazione sulla prevenzione e contrasto alle truffe ai danni delle persone anziane anche da mettere a disposizione di tutte le istituzioni che ne faranno richiesta; a realizzare un bando regionale, al quale possano accedere le emittenti televisive locali a diffusione provinciale; a realizzare opuscoli e materiale informativo da distribuire nei luoghi più sensibili; a far si che la trasmissione degli spot e la diffusione degli opuscoli avvengano nel ‘mese dell’anziano’ ovvero nel mese di ottobre in cui ricade la festa dei nonni.

Per la Consigliera Carmela Rozza (PD), su questo provvedimento

si è fatto un buon lavoro con l’unico fine, da parte di tutti, di aiutare gli anziani.

Della stessa opinione il Consigliere leghista Francesco Ghiroldi:

C’è stato un confronto di merito su quale potesse essere l’approccio migliore per trovare soluzioni efficaci di contrasto a questa seria problematica.

Referendum legge elettorale. Ok a provvedimento su conflitto di attribuzione
Approvato a maggioranza l’atto amministrativo ”Promozione, congiuntamente agli altri Consigli regionali promotori della iniziativa referendaria avente ad oggetto ‘Abrogazione delle disposizioni sull’attribuzione dei seggi con metodo proporzionale in collegi plurinominali nelle elezioni della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica’, di conflitto di attribuzione ai sensi della Legge 11 marzo 1953, n. 87 ‘Norme sulla Costituzione e sul funzionamento della Corte Costituzionale’ nei confronti del Parlamento della Repubblica”.

Il 25 novembre scorso il Consiglio regionale lombardo, come altre sette Assemblee legislative regionali, ha promosso un referendum abrogativo della quota proporzionale per l’elezione dei due rami del Parlamento. La Corte di Cassazione ha dichiarato conforme alla legge la richiesta e il Presidente della Corte Costituzionale ha fissato per il prossimo 15 gennaio la Camera di Consiglio per la discussione sull’ammissibilità del referendum.

Il provvedimento approvato oggi, che ha un profilo estremamente tecnico, ha spiegato la relatrice Alessandra Cappellari, Lega:

intende sollevare davanti alla Corte Costituzionale, prima del giudizio della Corte stessa sull’ammissibilità o meno referendum sulla legge elettorale, un conflitto di attribuzioni tra poteri dello Stato, nello specifico con la Camera e il Senato.

Tale procedura, viene specificato nel testo:

permetterebbe di ammettere la sospensione degli effetti del referendum, un passaggio che consentirebbe al Parlamento di correggere la legge elettorale qualora il referendum venisse dichiarato ammissibile, salvaguardando così la volontà popolare.

Forte contrarietà, “nel metodo e nel merito”, è stata espressa dai gruppi di opposizione, in particolare Partito Democratico e Movimento 5 Stelle.

Approvata mozione a sostegno dei lavoratori Auchan-Conad
In chiusura di seduta, infine, sono state approvate due mozioni urgenti. Una a sostegno dei lavoratori interessati dalla vertenza Auchan-Conad presentata dalla Consigliera Paola Bocci, PD. In merito il Presidente della Commissione Attività Produttive Gianmarco Senna, Lega, ha offerto massima disponibilità a ricevere parti sociali e azienda in audizione anche prima della pausa natalizia. Pollice verso, invece, per la mozione presentata dal Consigliere pentastellato Luigi Piccirillo che chiedeva l’impegno della Regione per un Capodanno ecosostenibile senza botti e petardi.

Print Friendly, PDF & Email