Home Territorio ‘L’Italia s’è desta’ a Il Teatro cerca casa

‘L’Italia s’è desta’ a Il Teatro cerca casa

533
'L'Italia s'è desta'


Download PDF

In scena il 6 novembre al salotto teatrale di casa Santanelli, Napoli

Riceviamo e pubblichiamo.

Lunedì 6 novembre, ore 18:00, va in scena, nello storico salotto teatrale di casa Santanelli al Vomero, in via Sagrera, 23, Napoli, lo spettacolo ‘L’Italia s’è desta’, finalista al Premio Hystrio Scritture di scena 2012, il monologo, scritto e diretto da Rosario Mastrota, è interpretato da Dalila Cozzolino, vincitrice nel giugno 2017 del premio Hystrio alla Vocazione.

Il lavoro teatrale, in forma di monologo, racconta la storia di Carletta, la scema del paese, che mette in luce l’ossessione dilagante in Italia per lo scoop giornalistico, a discapito della verità.

Per assistere allo spettacolo è necessaria la prenotazione chiamando i numeri:
3343-347090 – 347-0963808 – 081-5782460
oppure compilando il form sul sito www.ilteatrocercacasa.it.

Carletta assiste al rapimento da parte della ‘ndrangheta, in Calabria, del pullman della nazionale italiana di calcio, a due mesi dall’inizio dei mondiali. Subito lo scoop dilaga, esplode. Esercito, politica, sport e giornalisti vanno all’assalto del nuovo fenomeno mediatico. Tutti accecati dalla notizia “bomba” da regalare, non si accorgono di Carla, che sa dove è nascosto il pullman bianco e la nazionale di calcio. Ma nessuno le crede.

L’autore e regista Rosario Mastrota spiega:

Il monologo è arcaicamente legato alla riflessione sociale che tutto ciò che è detto appartiene alla storia e quindi alla verità.

Questa operazione gioca, invece, nel caso specifico, sul falso accaduto. Un’invenzione plausibile che rispecchia la faciloneria delle “vittime” dei mass media e l’esaltazione e manipolazione che ne deriva.

Basta pensare ai casi più recenti di manomissione e celebrazione della realtà criminale italiana: Sara Scazzi, Garlasco, Cogne, Costa Concordia eccetera.

Il gioco de ‘L’Italia s’è desta’ si svolge sull’idea del racconto reale di qualcosa che come al solito, successivamente, viene manomesso. Ma che nel caso specifico è già manomesso alla fonte.

È un racconto metaforico-ironico di un’Italietta credulona, epiteto significativo.

Organizzazione
Livia Coletta e Ileana Bonadies
info@ilteatrocercacasa.it
334-3347090 – 347-0963808 – 081-5782460

Print Friendly, PDF & Email