Home Territorio Estero Libia: Bourita, non c’è alternativa all’accordo Skhirate

Libia: Bourita, non c’è alternativa all’accordo Skhirate

213
Bourita


Download PDF

Colloquio a Rabat con il capo dell’Alto Consiglio di Stato libico, Khalid al-Mishri

Non c’è alternativa all’accordo politico di Skhirate per risolvere la crisi libica.

Lo ha dichiarato ieri sera, 21 ottobre, a Rabat il Ministro degli Affari esteri, della cooperazione africana e dei marocchini residenti all’estero, Nasser Bourita, sottolineando che questo accordo costituisce un parametro di riferimento.

L’accordo di Skhirate è una base che non può essere esclusa nella ricerca di una qualsiasi soluzione alla crisi libica, ha insistito Bourita in una dichiarazione alla stampa dopo i colloqui con il Presidente dell’Alto Consiglio di Stato libico, Khalid Al Mishri.

Il Ministro ha anche sottolineato che tale accordo conferisce legittimità alle istituzioni e a tutte le componenti del dialogo e deve rimanere un riferimento nel contesto di tutti gli sviluppi di questo fascicolo e delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’ONU.

Bourita ha affermato che il re del Marocco, Mohammed VI, sostiene tutti gli sforzi e le iniziative dei libici per raggiungere una soluzione che garantisca alla Libia la sua unità nazionale e la sua sovranità e che consenta di evitare interferenze straniere.

Fonte: http://www.mapnews.ma/fr/actualites/politique/crise-libyenne-il-ny-aucune-alternative-%C3%A0-laccord-de-skhirate-qui-constitue-la

Print Friendly, PDF & Email
Redazione Arabia Felix

Autore Redazione Arabia Felix

Arabia Felix raccoglie le notizie di rilievo e di carattere politico e istituzionale e di sicurezza provenienti dal mondo arabo e dal Medio Oriente in generale, partendo dal Marocco arrivando ai Paesi del Golfo, con particolare riferimento alla regione della penisola arabica, che una volta veniva chiamata dai romani Arabia Felix e che oggi, invece, è teatro di guerra. La fonte delle notizie sono i media locali in lingua araba per dire quello che i media italiani non dicono.