Home Rubriche Pensieri di un massone qualsiasi L’eterna sfida di Iside: riunire ciò che è sparso

L’eterna sfida di Iside: riunire ciò che è sparso

309
Iside


Download PDF

Continua l’eterna sfida di Iside anche in un campo insolito, quello della grande canzone d’autore, che a volte lambisce come un mare benefico le coste della Tradizione, dell’Essere.

In un mondo che spesso confonde il dito con la luna, certe canzoni sono pronte a raccontarci parti di noi stessi, ritagli emozionali della nostra piccola – grande storia di operai al lavoro nell’Officina della vita.

Voglio rievocare un concerto tenuto da Franco Battiato nel 1989 alla presenza di Giovanni Paolo II.

Il cantautore racconta in un’intervista che nel corso dell’esecuzione della struggente ‘E ti vengo a cercare’ a un certo punto sente scoccare “come una scintilla”.

Un’onda di emozione sacra si propaga nell’affollata platea.

Il climax, così forte da togliere il fiato, scatta quando Battiato canta il verso

ESSERE un’immagine divina.

‘E ti vengo a cercare’ è un concentrato di messaggi in armonia con la Tradizione.

La metafora dell’amore rivolto ad un oggetto “fisico” del desiderio fa pensare a Dante, Fedele d’Amore, che adora la Sophia nelle sembianze umane di Beatrice.

Nei versi

questo secolo oramai alla fine, saturo di parassiti senza dignità

si svela l’oppressione di un presente che richiama scenari da Kali Yuga.

Emanciparmi dall’incubo delle passioni

poi, è in linea con l’esortazione massonica a lasciare i metalli delle emozioni e della profanità fuori del Tempio.

L’espressione

cercare l’Uno al di sopra del bene e del male

esotericamente è sovrapponibile al precetto relativo al

camminare tra il bianco e il nero.

Alla fine dell’esibizione il Papa non aspetta riverenze e si alza a salutare il cantautore catanese. Un bell’esempio di comunicazione fondata su una reale capacità di empatia.

Print Friendly, PDF & Email
Hermes

Autore Hermes

Sono un Massone qualsiasi. Orgogliosamente collocato alla base della Piramide. Ogni tanto mi alzo verso il vertice per sgranchirmi le gambe. E mi vengono in mente delle riflessioni, delle meditazioni, dei pensieri che poi fermo sul foglio.