Home Rubriche Da Oriente a Occidente Le sette patologie da cellulare

Le sette patologie da cellulare

309
Le sette patologie da cellulare


Download PDF

Lezione introduttiva

Attenti! Occhi bene aperti, vi servirà, ne sono certo. La città della mente in cui sto per accompagnarvi forse la conoscete ma forse no, e potrebbe sorprendervi.
Tutto in un solo articolo non lo posso dire. Mi vedo costretto a farvi, per ora, una sintesi, elencando i punti cruciali del nostro viaggio e, solo dopo, li prenderò ad uno ad uno approfondendoli nei giorni a venire.

Siete pronti?

Studi ormai avanzati hanno constatato ben sette problematiche derivanti dall’utilizzo dei cellulari.

Uno: Siamo diventati intolleranti alle distanze.

Due: Abbiamo acquisito l’illusione dell’onnipotenza, di poter arrivare a tutto e di poter sapere tutto.

Tre: Abbiamo assunto la paranoica attività del controllo sugli altri.

Quattro: Siamo diventati più esibizionisti che mai.

Cinque: Siamo assaliti dall’angoscia e dall’ansietà della privacy e dell’anonimato.

Sei: Stiamo perdendo il contatto con il mondo più vicino a noi e, peggio ancora, con quello interiore, ciò che di più profondo abbiamo dentro.

Sette: Stiamo perdendo la nostra libertà, ma attenzione, non solo la libertà di decidere in autonomia nel mondo politico o del consumo, bensì anche quella che riguarda il controllo che esercitano su di noi familiari, amici e conoscenti per mezzo dei loro cellulari.

Sì, certo, lo so che tutto questo è inevitabile e che nessuno, se non un’esigua minoranza, si sognerà mai di rinunciare al mondo virtuale, del resto è anche utile sotto tanti punti di vista. Ma per dirla con Furio Colombo – vedi Confucio nel Computer – non è detto che se una cosa, come per esempio il progresso tecnologico, sia inevitabile, ciò significhi che sia anche il meglio per tutti noi sempre e comunque.

Se è vero che non posso esimermi da tutto ciò che avanza, è anche vero che devo comunque imparare ad osservarlo con attenzione, affinché non ne rimanga coinvolto con gran danno per la mia psiche e il mio stesso corpo.
Ed è appunto questo lo scopo del viaggio che stiamo facendo insieme e che è iniziato oggi; imparare ad osservare con attenzione che cosa accade dentro e fuori di noi.

Non è questione di essere favorevoli o contrari al fenomeno tecnologico, ormai ci siamo dentro e servirebbe a ben poco. Si tratta più che altro di imparare a conoscerlo per poi saperci difendere al meglio.

Vi do perciò appuntamento alle prossime puntate, nelle quali prenderò uno ad uno i sette punti sviluppandoli in modo sintetico ma, come sempre, semplice, facile da comprendere e utile al nostro vissuto quotidiano.

Tratto dal Corso Naturopatia dell’Anima – Counseling Filosofico

Resta aggiornato sui Programmi Gayatri 

Print Friendly, PDF & Email
natyan

Autore natyan

natyan, presidente dell’Università Popolare Olistica di Monza denominata Studio Gayatri, un’associazione culturale no-profit operativa dal 1995. Appassionato di Filosofie Orientali, fin dal 1984, ha acquisito alla fonte, in India, in Thailandia e in Myanmar, con più di trenta viaggi, le sue conoscenze relative ai percorsi interiori teorici e pratici. Consulente Filosofico e Insegnante delle più svariate discipline meditative d’oriente, con adattamento alla cultura comunicativa occidentale.