Home Territorio Estero La politica in Medio Oriente non influenzerà presidenziali USA

La politica in Medio Oriente non influenzerà presidenziali USA

904
John Cabot University


Download PDF

Tavola rotonda alla John Cabot University di Roma con esperti internazionali

Riceviamo e pubblichiamo.

Il Medio Oriente, gli scenari di crisi e le relative scelte politiche non avranno influenza sulle elezioni presidenziali USA che si terranno nel 2020.

I cittadini americani sono concentrati sulle questioni interne e tra un po’ nessuno si ricorderà dei Curdi e del ritiro delle truppe deciso da Trump. Le uniche preoccupazioni estere, per gli Stati Uniti, possono riguardare il confine con il Messico e la Cina.

È il messaggio giunto dal dibattito ‘The US and the Middle East, an evolving situation’, che si è tenuto alla John Cabot University, JCU, di Roma, a cura dell’Istituto Guarini per gli Affari Pubblici, a cui hanno partecipato esperti internazionali.

Ha dichiarato Lucio Martino, esperto di relazioni transatlantiche e problemi strategici:

Nel prossimo anno, in USA, si parlerà di elezioni: questo è certo. Ma chi vincerà non possiamo dirlo.
Carter e Bush senior non furono rieletti perché avevano perso l’appoggio del partito.

Non è il caso di Trump che parte favorito, ed ha una base stabile.
E nei sondaggi effettuati nei sempre decisivi ‘Swing States’ è davanti a Elizabeth Warren.

Il Medio Oriente non sarà un fattore importante. Nell’ultimo dibattito solo 20 minuti su 3 ore sono stati dedicati alla politica estera.
Oggi, negli Stati Uniti, quando si parla di politica estera per lo più si parla di Cina e Messico.

Dello stesso avviso Viviana Mazza, giornalista specializzata nel settore Esteri:

Per ora il Medio Oriente non ha grande impatto sulle elezioni statunitensi. Non è così rilevante per i cittadini, anche se si tratta di una regione volatile, con molti hot spots.

E su Putin:

È amico di tutti – il che è problematico perché tutti, in quella regione, vogliono qualcosa – e fa quello che gli USA non possono fare, ma non può riempire il vuoto lasciato dall’America.

Ha proseguito Farian Sabahi, docente di politica e religione, studiosa di questioni iraniane:

L’Iran non è stato sconfitto dalle sanzioni USA, che, al contrario hanno consolidando il consenso attorno al governo.

L’economia è subito un rallentamento, è vero, ma ha retto, perché è stata diversificata.
Il Paese è schizofrenico, guarda ad Ovest e non a Est, ha gli stessi confini da secoli ed è piuttosto isolato nella regione. Di sicuro non vuole un’altra guerra.

L’Europa dovrebbe tornare a dialogare con l’Iran, perché quest’ultimo ha bisogno di investimenti e materiali.

Sul Kashmir, al centro di una delicata disputa territoriale fra India e Pakistan, che ha disorientato gli abitanti, tenendoli nell’incertezza, si è soffermata Pratishtha Singh, autrice e attivista per i diritti delle donne.

Ha detto:

Sono state sospese le comunicazioni, Internet non si possono tenere assemblee fra cittadini. L’Europa si è espressa poco su questa situazione. Mentre l’India sta vivendo la peggiore fase economica della sua esistenza.

Print Friendly, PDF & Email