Home Territorio ‘La metafisica della bellezza’ a ‘Terre vicine, terre lontane’

‘La metafisica della bellezza’ a ‘Terre vicine, terre lontane’

305
Amanda Sandrelli e Elena Arvigo


Download PDF

In scena il 10 agosto in piazza San Matteo, a Genova

Riceviamo e pubblichiamo.

Torna in scena, lunedì 10 agosto, all’interno di ‘Terre vicine, terre lontane’, la 23ª edizione del Festival in una notte d’estate organizzato da Lunaria Teatro, in piazza San Matteo, a Genova, ‘La metafisica della bellezza – Lettere dalle case chiuse’, un progetto di Elena Arvigo, con Amanda Sandrelli e Elena Arvigo.

Lo spettacolo nasce dal desiderio di indagare la pornografia della verità attraverso la figura della prostituta, mettendo a fuoco la reale storia delle ragazze delle case chiuse.
Le case chiuse vengono abolite il 20 settembre 1958 grazie all’impegno e alla tenacia proprio di una donna, Lina Merlin, prima donna ad essere eletta in Senato, e grazie alla sua proposta di legge per eliminare lo sfruttamento della prostituzione.

Le lettere delle prostitute alla Senatrice Merlin furono raccolte dalla stessa Merlin e da Carla Barberis, moglie di Sandro Pertini, e la loro autenticità è garantita dagli originali, oggi depositati presso un notaio.

A scrivere sono per lo più madri piene di speranza e dignità, piene di stupore e gratitudine per chi sta mostrando interesse verso la loro situazione di “donne perdute”, per chi, come la Senatrice Merlin, sta immaginando per loro un futuro diverso e migliore.

In questo spettacolo si cerca di definire, anche grazie ad alcune figure artistiche, la funzione profonda che esercita la puttana rispetto alla nostra idea dell’arte, del denaro e della verità stessa. La verità non è una luce che illumina il mondo con la sua splendida evidenza ma è lo sconvolgimento dell’evidenza. Ciò che consideriamo evidente non lo è affatto.

Il bordello, scrive Joyce, è la parodia della città, insopportabile per tutti coloro che accettano la verità solo come ordine, norma, il buono, il bene. Secondo la tradizione tramandata da Plinio il Vecchio è Parrasio da Efeso ad aver inventato la pornografia, ovvero, etimologicamente, la “pittura delle prostitute”.

La puttana è un’immagine, un riflesso la cui intensità fa vacillare qualsiasi istanza che creda di poterla cancellare, come se si trattasse di una menzogna o di un o sbaglio.
Le puttane sono le attrici della verità, una verità la cui natura è prima di tutto pornografica. Perseguitare le prostitute significa, quindi, perseguitare la verità in nome della quale la stessa persecuzione viene perpetrata.

Prezzi
intero €12,00;
ridotto over 65, under 26, soci Coop Liguria, Cral Regione Liguria e possessori Green Card, €10,00;
bambini under 13, €7,00.
Promozione Porta un amico “under 26”: €8,00 cadauno presentandosi in due al botteghino.
Iniziative collaterali: €1,00, salvo dove diversamente indicato

Inizio degli spettacoli ore 21:15, salvo dove diversamente indicato

Posti limitati nel rispetto del protocollo sanitario vigente, si prega dunque di prenotare e acquistare il proprio biglietto, preferibilmente online: il ticket con il posto assegnato sarà inviato via mail o via SMS.

In caso di esaurimento posti sarà programmato un doppio spettacolo alle ore 19:30.

Per informazioni
www.lunariateatro.itinfo@lunariateatro.it
010-2477045 – 373-7894978

Prevendite su Happyticket

Print Friendly, PDF & Email