‘IveliseCineFestival’, vincitori e premiazioni

‘IveliseCineFestival’, vincitori e premiazioni

140
IveliseCineFestival


Download PDF

Emozioni e sorprese per la serata finale della Quarta Edizione

Riceviamo e pubblichiamo.

Serata ricca di grandi emozioni e sorprese quella del 2 dicembre al Teatro Ivelise di Roma, durante la Premiazione della Quarta Edizione dell’IveliseCineFestival.
Il festival di cortometraggi e documentari, realizzato con il contributo della Regione Lazio, prodotto dal Teatro Ivelise e dall’Associazione Culturale Allostatopuro, patrocinato da ACSI e Metis Teatro e organizzato in collaborazione con Teatro Kopò, il Caffè Letterario Mangiaparole e il Laboratorio di Arti Sceniche di Massimiliano Bruno, dopo tre giorni di proiezioni parallele in più sedi artistiche della capitale, si è concluso con la tanto attesa Premiazione nel corso della quale sono stati annunciati i vincitori decretati sia dalla Giuria di Esperti che dalla Giuria Popolare.

Ricordiamo che delle 42 opere in Concorso, divise in 7 categorie di genere, la Giuria, presieduta da Massimiliano Bruno, regista, autore e attore, Volfango De Biasi, regista e sceneggiatore, Marta Gervasutti, regista e sceneggiatrice, Alessandro Pesci, direttore della Fotografia, Massimo Intoppa, direttore della fotografia, Luca Angeletti, attore, cantante, sceneggiatore e regista, il 26 novembre scorso, ha decretato 4 nomination per ogni categoria.

Miglior Opera:
‘Ahinoa’ di Ivan Sainz – Pardo
‘The essence of everything‘ di Daniele Barbiero
La Premiata Compagnia Mastrosimone di Giovanni Battista Origo
‘Pipinara’ di Ludovico Di Martino

Miglior Regia:
Daniele Barbiero in ‘The essence of everything’
Ludovico Di Martino in ‘Pipinara’
Ivan Sainz- Pardo in ‘Ahinoa’
Giovanni Battista Origo in ‘La premiata compagnia Mastrosimone’

Miglior Fotografia:
Jose Martin Rosete in ‘Ahinoa’
Valerio Martorelli in ‘Pipinara’
Angelo Coli in ‘Conversazione privata’
Tomas Gold in ‘Constriction is a scar’

Miglior Montaggio:
Gianluca Conca in ‘The essence of everything’
Ivan Sainz- Pardo e Fran Garcia in ‘Ahinoa’
Cristina Di Lorito in ‘Conversazione privata’
Niccolò Notario in ‘Pipinara’

Miglior Sceneggiatura:
Fabrizio Benvenuto in ‘Happy hour’
Ludovico Di Martino e Nicola Ingenito in ‘Pipinara’
Giovanni Battista Origo e Elettra Raffaella Melucci in  ‘La premiata compagnia Mastrosimone’
Costanza Bongiorni in ‘The essence of everything’

Miglior attore protagonista:
Paolo Briguglia in ‘Happy hour’
Alessandro Marverti ‘Pipinara’
Matteo Quinzi in ‘La premiata compagnia Mastrosimone’
Ludovico Terzigni in ‘Aggrappati a me’

Miglior attrice protagonista:
Blu Yoshimi in ‘Certe brutte compagnie’
Alice Pagotto in ‘Happy hour’
Veronica Liberale in ‘La volta buona’
Valeria Cavalli in ‘Departures’

Attore rivelazione:
Andrew Mullan in ‘The essence of everything’
Marco Imparato e Emmanuell Caserio in ‘Doppio sei’
Daniele Mariani in ‘Fine d’estate’

Attrice rivelazione:
Stephanie Tripp in ‘The essence of everything’
Aurelia Shikarski in ‘Ahinoa’
Miriam Fauci in ‘Aggrappati a me’
Maria Vittoria Montali in ‘La storia di Arianna’

Come nelle precedenti edizioni, anche il pubblico è stato partecipativo e ha votato durante le proiezioni parallele, nelle giornate del 29 e 30 novembre, sia al Teatro Ivelise, al Teatro Kopò, Caffè Letterario Mangiaparole, al Laboratorio di Arti Sceniche di Massimiliano Bruno e all’Associazione Metis Teatro, decretando la “Migliore Opera a categoria di genere”:
Migliore Opera per la categoria di genere Fantasy: ‘The Essence of Everything’;
Migliore Opera per la categoria di genere Commedia: ‘Aggrappati a me’;
Migliore Opera per la categoria di genere Tematica Sociale: ‘L’ultimo Ninja’;
Migliore Opera per la categoria di genere Drammatico: ‘Let the night sorround you’;
Migliore Opera per la categoria di genere Documentario: ‘Oro bianco’;
Migliore Opera per la categoria di genere Horror/Thriller/Noir: ‘Il polo opposto’;
Migliore Opera per la categoria di genere Animazione: ‘The eyes of azzure’.

Alla Premiazione, nel piccolo teatro nel cuore di Roma, si sono ritrovati i finalisti arrivati in nomination, i registi delle opere votate dalla Giuria Popolare, di fronte ai Giurati sul, Massimiliano Bruno, Volfango De Biasi, Massimo Intoppa, Luca Angeletti, le partnership e lo staff dell’evento, uniti dal grande entusiasmo, per annunciare i vincitori.

Sul palco insieme alla Giuria, la Direttrice del festival Brenda Monticone Martini e Martina Milani, già Coordinatrice della II edizione del Festival, per presentare l’evento, annunciare i vincitori e le grandi sorprese di questa edizione: premi sia in denaro che in forniture, istituiti grazie alle donazioni devolute all’Associazione Culturale Allostatopuro.

Essere già lì per i finalisti e per lo staff del festival, è stato un grande successo, ma di sicuro i riconoscimenti e i premi saranno di grande incoraggiamento per il loro futuro, ed è così che vince come Miglior Opera di questa Quarta Edizione ‘The essence of everything’ di Daniele Barbiero, con €1.000,00 in premio e la proposta al regista di entrare nella commissione degli esperti nella prossima edizione dell’IveliseCineFestival, la Miglior Regia va a Ivan Sainz – Pardo in ‘Ahinoa’ che vince un giorno di set nella location del Teatro Kopó; la Miglior Sceneggiatura va a ‘La premiata compagnia Mastrosimone’ di Giovanni Battista Origo e Raffaella Melucci vincendo un giorno di set presso il Mangiaparole – Libreria Caffè letterario e la pubblicazione della sceneggiatura con la casa editrice fondata dal locale, la Miglior Fotografia va a ‘Pipinara’ di Valerio Martirelli che vince 2 giorni di set nella location del Teatro Ivelise; il Miglior Montaggio va a ‘The essence of everything’ di Gianluca Conca che vince 2 giorni di set nella location del Teatro Ivelise.

Anche i migliori attori hanno ricevuto una targa di riconoscimento e hanno vinto una cena per due persone presso il Mangiaparole – Libreria Caffè letterario:

Miglior Attore Protagonista:
Alessandro Marverti, ‘Pipinara’
Miglior Attrice Protagonista:
Alice Pagotto ‘Happy hour’
Attore Rivelazione:
Andrew Mullan ‘The essence of everything’
Attrice Rivelazione:
Aurelia Shikarski ‘Ahinoa’

Per informazioni

Print Friendly, PDF & Email