‘In due’ a Classico Contemporaneo

‘In due’ a Classico Contemporaneo

109
Monica Pinto
Download PDF

Monica Pinto in concerto l’11 agosto al Chiostro del Convento di San Domenico Maggiore di Napoli

Riceviamo e pubblichiamo.

Sabato 11 agosto, ore 21:30, presso il Chiostro del Convento di San Domenico Maggiore, Napoli, nell’ambito della rassegna ‘Classico Contemporaneo’ – V edizione, direttori artistici Gianmarco Cesario e Mirko Di Martino, Monica Pinto in concerto con lo spettacolo ‘In due – Canzoni napoletane fra tradizione e modernità’, voce Monica Pinto
chitarra Ernesto Nobili.
‘In due’ segna il ritorno alla collaborazione della cantante Monica Pinto con il chitarrista Ernesto Nobili, che dopo anni di lavoro comune all’interno del gruppo Spaccanapoli, prodotto dalla Real World Records di Peter Gabriel, con cui si sono esibiti nei principali festival folk, rock e jazz del mondo e in numerosi tour mondiali, oggi costituiscono un inedito duo di voce e chitarra che esplora, in maniera personalissima ma sempre rispettosa, il repertorio classico napoletano che va dalla seconda metà dell’800 fino ai primi decenni del ‘900, ricordando i più grandi compositori, come Di Giacomo, Bovio, Russo, Costa, Viviani e molti altri.

Gli originali, a volte minimali, arrangiamenti per chitarra di Ernesto Nobili, incontrandosi con la vocalità intensa e passionale di Monica Pinto, creano un codice nuovo, che pur guardando incessantemente al linguaggio classico tradizionale, include sonorità più legate alla modernità.

Dai brani più noti, come ‘Era de Maggio’, ‘Canzone appassionata’, ‘Passione’, ‘Bammenella’, a quelli meno conosciuti, come ‘Napulitanata’ e ‘Ll’ultema tarantella’, tutti appaiono insieme antichi e rinnovati, ma sempre portatori di una storia inestimabile.

La conclusione del concerto sovverte la rotta, con un brano napoletano contemporaneo ‘Vesuvio’, che il duo ha eseguito con Spakka-Neapolis55 sui palcoscenici di tutto il mondo e con cui ha partecipato al film ‘Passione’ di John Turturro. Questo brano, oltre ad avere per i due esecutori un importante valore simbolico, forse ben incarna l’evoluzione della canzone napoletana, ma soprattutto esprime la complessità di una città che da sempre convive con l’incanto e con il dramma al contempo.

Print Friendly, PDF & Email