Home Lombardia Regione Lombardia ‘i strade del Giupì’, presentazione rassegna teatrale in bergamasco

‘i strade del Giupì’, presentazione rassegna teatrale in bergamasco

376
'i strade del Giupì'

Il 24 ottobre a Palazzo Pirelli

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia.

Valorizzare e tramandare la lingua lombarda e in particolare il dialetto bergamasco.
È questo l’obiettivo di ‘i strade del Giupì’ una rassegna teatrale voluta dai Comuni di Covo, Martinengo, Mornico al Serio e Torre Pallavicina, municipalità della bergamasca, e organizzata dalla Fondazione Benedetto Ravasio.
La manifestazione, sostenuta da Regione Lombardia, verrà presentata domani, 24 ottobre, nel corso di una conferenza stampa che si svolgerà alle ore 10:00 alla Sala Ghilardotti di Palazzo Pirelli.

Alla conferenza stampa interverranno:
Giovanni Malanchini, Consigliere Segretario dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale;
Stefano Bruno Galli, Assessore regionale alle Culture;
Sergio Ravasio, Presidente della Fondazione Benedetto Ravasio;
Andrea Capelletti, sindaco di Covo, Comune capofila;
Paolo Nozza, sindaco di Martinengo; Antonio Marchetti, Sindaco di Torre Pallavicina; Eugenio Cerea, Sindaco di Mornico al Serio.

La rassegna
Da ottobre a dicembre verranno offerti sul territorio dei tre comuni otto spettacoli, sei di burattini, uno d’oggetti e uno d’attore, che proporranno al pubblico le storie più classiche della cultura popolare lombarda e bergamasca in particolare.

Grandi protagonisti saranno le maschere, Gioppino e Arlecchino in primis, ma anche i personaggi più amati della tradizione bergamasca, da Ginevra degli Almieri a Pacì Paciana, passando per i personaggi cari alla cultura contadina, come il folletto Squàsc, protagonista delle storie narrate nelle corti delle nostre cascine.

Gli spettacoli saranno tutti ad ingresso libero e gratuito.

Il progetto darà anche l’opportunità a circa 1000 studenti delle scuole elementari e medie dei comuni coinvolti, di vedere gratuitamente nella propria scuola uno spettacolo di burattini.

Print Friendly, PDF & Email