Home Lombardia Regione Lombardia ‘i strade del Giupì’, presentazione rassegna teatrale in bergamasco

‘i strade del Giupì’, presentazione rassegna teatrale in bergamasco

412
'i strade del Giupì'


Download PDF

Il 24 ottobre a Palazzo Pirelli

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia.

Valorizzare e tramandare la lingua lombarda e in particolare il dialetto bergamasco.
È questo l’obiettivo di ‘i strade del Giupì’ una rassegna teatrale voluta dai Comuni di Covo, Martinengo, Mornico al Serio e Torre Pallavicina, municipalità della bergamasca, e organizzata dalla Fondazione Benedetto Ravasio.
La manifestazione, sostenuta da Regione Lombardia, verrà presentata domani, 24 ottobre, nel corso di una conferenza stampa che si svolgerà alle ore 10:00 alla Sala Ghilardotti di Palazzo Pirelli.

Alla conferenza stampa interverranno:
Giovanni Malanchini, Consigliere Segretario dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale;
Stefano Bruno Galli, Assessore regionale alle Culture;
Sergio Ravasio, Presidente della Fondazione Benedetto Ravasio;
Andrea Capelletti, sindaco di Covo, Comune capofila;
Paolo Nozza, sindaco di Martinengo; Antonio Marchetti, Sindaco di Torre Pallavicina; Eugenio Cerea, Sindaco di Mornico al Serio.

La rassegna
Da ottobre a dicembre verranno offerti sul territorio dei tre comuni otto spettacoli, sei di burattini, uno d’oggetti e uno d’attore, che proporranno al pubblico le storie più classiche della cultura popolare lombarda e bergamasca in particolare.

Grandi protagonisti saranno le maschere, Gioppino e Arlecchino in primis, ma anche i personaggi più amati della tradizione bergamasca, da Ginevra degli Almieri a Pacì Paciana, passando per i personaggi cari alla cultura contadina, come il folletto Squàsc, protagonista delle storie narrate nelle corti delle nostre cascine.

Gli spettacoli saranno tutti ad ingresso libero e gratuito.

Il progetto darà anche l’opportunità a circa 1000 studenti delle scuole elementari e medie dei comuni coinvolti, di vedere gratuitamente nella propria scuola uno spettacolo di burattini.

Print Friendly, PDF & Email