Home Rubriche Gemme di celluloide Holy Motors, di Leos Carax

Holy Motors, di Leos Carax

721


Download PDF

Il fascino arrogante del Cinema incomprensibile

I film di Leos Carax non sono semplicemente strani, di più: sono fatti per sconvolgere, per creare disagio e per portare nella mente dello spettatore una miriade di dubbi vuoi sul significato di ciò che sta guardando, vuoi sulle reali intenzioni dell’autore in questione.

‘Holy Motors’ è l’ultimo lavoro dello stravagante regista francese e racconta 24 ore della vita di un fantomatico signor Oscar che prelevato da casa da Céline, sua assistente (?) tuttofare, gira Parigi su una enorme limousine usandola come camerino per i suoi travestimenti e studio per ripassare ciò che dovrà fare nell’arco della giornata.

Infatti, Oscar veste i panni di nove differenti persone durante le 24 ore assumendo identità agli antipodi tra loro e confrontandosi con nove interlocutori diversi: Oscar pare vivere nove vite divise per frangenti, affrontando ognuno degli incontri come veri e propri appuntamenti prestabiliti e su richiesta di coloro che va ad incontrare.

Che interpreti il padre di famiglia o l’uomo d’affari, un killer spietato o una mendicante, uno sperimentatore cyber o un mostro delle fogne, un suonatore tzigano o un boss, Oscar non va mai al di là del ruolo da ricoprire né esce mai dallo schema che si era prestabilito e preparato.

Perché? È il suo lavoro? Lo fa per condizionare e gestire le esistenze altrui? È uno dei tanti camaleonti di cui è piena la società contemporanea?

Questo non è dato saperlo: Leos Carax non solo non fa nulla per facilitare la comprensione della trama, ma complica ancor di più la situazione con intrecci perversi tra il protagonista e alcuni personaggi che possono trarre in inganno.

Ha un vero e proprio colpo di genio nel finale quando, una volta accompagnato a casa Oscar, la sua assistente Céline riporta la limousine in una grossa autorimessa con bene in vista la scritta Holy Motors e, come lei tante altre limousine entrano in garage per poi essere abbandonate al buio dai loro autisti… fino a che le auto non cominciano a dialogare tra di loro lasciando intuire, tra discorsi filosofici e bonari allo stesso tempo, di temere per il loro futuro e per il cambiamento degli uomini.

‘Holy motors’ è un’opera confusionaria che probabilmente raggiunge l’obiettivo di respingere gli spettatori sfidandoli sul lato dell’incomprensibilità narrativa e abbandonandosi ad uno stile di alto cinema autoriale, una tecnica registica spregiudicata che usa con arroganza tanto le immagini quanto la sceneggiatura cercando di servirsi di eclatanti comparse famose come Eva Mendes, Kylie Minogue e persino il grandissimo Michel Piccoli per forzare paradossalmente all’impopolarità alcune situazioni della storia.

Eppure, c’è un indiscutibile fenomeno di bravura che convincerà anche chi si troverà ad odiare o semplicemente a non apprezzare il film di Carax. Ovviamente si parla di Denis Lavant, impressionante nella capacità di impersonare la moltitudine di identità che va a ricoprire il protagonista della vicenda narrata.

Recitazione convincente, realista, attore mostruoso, teatrale, pirandelliano e si spiega facilmente il perché Leos Carax non riesca a fare a meno di lui per le opere che va a girare.

Non so in quanti scommetteranno su un’opera del genere andandola a vedere al cinema: indubbiamente affascinante, certamente non convenzionale, per nulla comprensibile…

Ogni tanto bisogna pur rischiare di incappare in film che destabilizzino.

Holy motors’ di sicuro non vi mostrerà nulla di ciò che potete aspettarvi e, almeno questo, per un’opera d’arte è un merito; per il film in questione forse l’unico.

Print Friendly, PDF & Email
Paco De Renzis

Autore Paco De Renzis

Nato tra le braccia di Partenope e cresciuto alle falde del Vesuvio, inguaribile cinefilo dalla tenera età… per "colpa" delle visioni premature de 'Il Padrino' e della 'Trilogia del Dollaro' di Sergio Leone. Indole e animo partenopeo lo rendono fiero conterraneo di Totò e Troisi come di Francesco Rosi e Paolo Sorrentino. L’unico film che ancora detiene il record per averlo fatto addormentare al cinema è 'Il Signore degli Anelli', ma Tolkien comparendogli in sogno lo ha già perdonato dicendogli che per sua fortuna lui è morto molto tempo prima di vederlo. Da quando scrive della Settima Arte ha come missione la diffusione dei film del passato e "spingere" la gente ad andare al Cinema stimolandone la curiosità attraverso i suoi articoli… ma visto i dati sconfortanti degli incassi negli ultimi anni pare il suo impegno stia avendo esattamente l’effetto contrario. Incurante della povertà dei botteghini, vagamente preoccupato per le sue tasche vuote, imperterrito continua la missione da giornalista pubblicista.