Home Toscana Regione Toscana Grieco a Job & Orienta di Verona: ‘Ora costruiamo il futuro degli...

Grieco a Job & Orienta di Verona: ‘Ora costruiamo il futuro degli ITS’

264
studenti


Download PDF

L’intervento dell’Assessore all’istruzione della Regione Toscana

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Possiamo dichiarare conclusa una fase di sperimentazione durata dieci anni. Adesso occorre rimodellare tutta l’istruzione terziaria professionalizzante definendo i rapporti tra percorsi ITS e lauree professionalizzanti, puntando sulle sinergie ed evitando conflittualità.

Lo ha detto al Job & Orienta di Verona, il salone su orientamento, scuola, formazione e lavoro, l’Assessore regionale e coordinatrice della IX commissione della Conferenza delle Regioni Cristina Grieco, intervenendo ai convegni sull’istruzione tecnica superiore assieme a molti Assessori regionali, tra cui la collega veneta, Elena Donazzan.

Ha proseguito Grieco:

Gli ITS rappresentano un esempio importante di alleanze territoriali che grazie ai finanziamenti delle Regioni e del MIUR permettono la realizzazione di percorsi formativi rispondenti alle esigenze reali delle imprese. Con risultati occupazionali tra l’80 e il 90% che devono far riflettere sulla necessità di dare agli ITS maggior linfa vitale: abbiamo bisogno che siano più conosciuti e più appetibili per i nostri giovani che aspirano ad essere dei tecnici di eccellenza per il nostro sistema produttivo.

È importante far crescere quindi un modello in cui tutti gli attori abbiano i ruoli giusti in una alleanza stabile in cui le imprese sono determinanti.

Le testimonianze dirette di molti studenti provenienti da tutte le regioni e la loro presenza negli stand espositivi con le eccellenze degli ITS nazionali hanno dimostrato la validità di questo strumento su cui la Regione Toscana, attraverso Giovanisì, investe con determinazione e con finanziamenti mirati.

Anche il Presidente di Indire Giovanni Biondi ha confermato la validità degli ITS che si caratterizza per la sua “autonomia” e per la sua flessibilità nell’intercettare i fabbisogni formativi delle imprese.

Print Friendly, PDF & Email