Home Rubriche Chacun son cinéma Golden Globe Awards tutti i vincitori

Golden Globe Awards tutti i vincitori

1030


Download PDF
golden-globe-nominations-2013-golden-globes1Si è conclusa la cerimonia di assegnazione dei Golden Globe Awards tra i vittoriosi spiccano Ben Affleck come miglior regista e per il miglior film drammatico con il suo Argo e Quentin Tarantino che prende il premio per la miglior sceneggiatura che non è il solo titolo per il  film Django Unchained dal quale esce vittorioso come miglior attore non protagonista anche l’eccezionale Christoph Waltz. Un bel premio anche per Jessica Chastain che dimostra di sapersi muovere in ogni ruolo, l’ultimo per l’esattezza era alquanto difficile nel film della Bigelow che la vede protagonista nella ricostruzione filmica dell’ uccisone di Osama Bin Laden ( Zero dark thirty). Come era ben prevedibile Amour di M. Haneke prende il titolo di miglior film straniero mentre la Pixar si aggiudica l’Award per il miglior film di animazione con Ribelle.
Le assegnazioni :
– Miglior film drammatico
ARGO

– Miglior film commedia o musical:
Les Misèrables

– Miglior regista:
Ben Affleck (Argo)

– Miglior attore in un film drammatico:
Daniel Day-Lewis (Lincoln)

– Miglior attrice in un film drammatico:
Jessica Chastain (Zero Dark Thirty)

– Miglior attore in un film commedia o musical:
Hugh Jackman (Les Misèrables)

– Miglior attrice in un film commedia o musical:
Jennifer Lawrence (Silver Linings Playbooks)

– Miglior attrice non protagonista:
Anne Hathaway (Les Misèrables)

– Miglior attore non protagonista
Christoph Waltz (Django Unchained)

– Migliore sceneggiatura:
Quentin Tarantino (Django Unchained)

– Migliore colonna sonora:
Mychael Danna (Life of Pi)

– Miglior film straniero:
Amour [Austria] (Michael Haneke)

– Miglior film d’animazione:
Ribelle – The Brave

Alfredo Amoroso II

Print Friendly, PDF & Email

Autore Alfredo Amoroso

Filmmaker tristemente specializzato in regia para-cinematografica con la sfortuna di vivere lontano troppe miglia dal Walk of Fame, si "accontenta" di essere considerato il genio incompreso della cinematografia nel luogo in cui vive. Tiene una rubrica sull'argomento nella quale sfoga tutta la sua ira e nella quale infila le nozioni e i consigli cinematografici che preferisce.