Home Toscana Regione Toscana Giorno della Memoria, CD per unire in musica le culture dei “diversi”

Giorno della Memoria, CD per unire in musica le culture dei “diversi”

246
Enrico Fink e Alexian Santino Spinelli


Download PDF

Fink e Spinelli presentano il CD ‘Romanò Simchà – festa ebraica rom’  

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

È rivoluzionario raccontare che la nostra cultura è fatta di diversità.

Ne sono convinti Enrico Fink e Alexian Santino Spinelli che dopo anni di partecipazione e di condivisione dell’esperienza del Treno della memoria hanno dato vita al progetto ‘Romanò Simchà – festa ebraica rom’, insieme ai solisti dell’Orchestra Multietnica di Arezzo e l’Alexian Group.

Una produzione discografica che fonde mondo ebraico italiano e rom italiano.

Un progetto unico nel suo genere rimasto ai nastri di partenza a causa della pandemia e della chiusura degli spazi dedicati allo spettacolo e alla musica dal vivo e che però adesso finalmente sta per diventare CD.

‘Romanò Simchà’ è un incontro sul piano musicale tra due importanti tradizioni culturali come quella romani e quella ebraica presenti in Italia da secoli e che è stato lanciato, simbolicamente nel giorno della memoria 2021 dal Cinema della Compagnia di Firenze.

Spiega Fink:

Dopo lunghi anni di partecipazione al treno abbiamo ideato questo progetto scegliendo di raccontare in musica che la cultura italiana non è monoculturale, non ha confini delimitati, ma è fatta di minoranze e incontri fra culture.

La cultura ebraica è presente in Italia da oltre 2500 anni. Quella rom e sinti da secoli. Raccontiamo una storia italiana che sembra esotica ma che non lo è.

Aggiunge Alexian Santino:

Rom e Ebrei si sono sempre incontrati e quando non lo hanno fatto nei campi di sterminio nazi-fascisti o nelle segrete della Santa Inquisizione, hanno donato al mondo arte sublime di cui si sono avvalsi i più grandi compositori europei.

Abbiamo deciso di donare questo disco a tutta l’Italia. È una festa che parla della vita, di chi ce l’ha fatta. La testimonianza dei diversi per antonomasia.

Print Friendly, PDF & Email