Galleria Borbonica, trovati resti di bomba chimica

Galleria Borbonica, trovati resti di bomba chimica

132
0
Scavi Galleria Borbonica
Download PDF

Ritrovamento storico di indubbio valore

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa Galleria Borbonica.

Continuano gli straordinari ritrovamenti alla Galleria Borbonica.
Non passa settimana senza che le cavità recuperate dall’Associazione “Borbonica Sotterranea” di Gianluca Minin non regalino qualche “sorpresa” inaspettata. Questa settimana è stata la volta di un ritrovamento “storico” di indubbio valore e di grande curiosità.
I volontari, che ogni settimana a decine passano almeno una giornata a scavare all’interno dei cunicoli ancora in gran parte da liberare e da scoprire, hanno portato alla luce un tagliando con alcune sigle, fuoriuscito da una specie di custodia che, dopo una rapida ricerca, si è scoperto essere l’etichetta di un Prodotto per bombe chimiche americane utilizzate nella II Guerra Mondiale.

Il fogliettino riporta queste siglie: 82-3-234 KC – For Chemical Bombs, 115 LB. – M70 and 100 LB M47A2.

L’etichetta dovrebbe dunque essere un foglietto di stoccaggio di una delle 2 tipologie di bombe ritrovate all’interno della Galleria Borbonica, quindi dopo il 1° ottobre 1943.

Più probabilmente si tratta di armi “chimiche” ma potrebbero essere anche delle “bombe incendiarie” come ne furono utilizzate a migliaia durante i bombardamenti.

Giusto qualche settimana fa era stato fatto l’incredibile ritrovamento di un dente di squalo estinto della specie “Carcharodon Megalodon”, esemplare che era lungo come un palazzo di sei piani.

Ha dichiarato il Presidente dell’associazione Borbonica Sotterranea Gianluca Minin:

Questa è una delle ragioni per cui insieme ai tantissimi volontari scaviamo come matti ogni settimana e per cui invitiamo le persone a scavare con noi.

Non c’è mai stata una domenica in cui la storia non ci ha fatto un regalo!

bomba