Home Rubriche Muórze e surze Frittelle di mele

Frittelle di mele

413
Frittelle di mele


Download PDF

Ingredienti

2 uova
160 grammi di farina
120 ml di latte
80 grammi di zucchero
4 mele
6 grammi di lievito in polvere per dolci
La buccia grattugiata di un limone
Olio di semi q.b.
Sale q.b.
Zucchero a velo q.b.

Procedimento

Questa è la ricetta di un dolce sano e leggero, adatto sia come dessert a fine pasto che come merenda.

In una terrina capiente sbattiamo le uova, non troppo a lungo, poi, poco alla volta aggiungiamo la farina, facendo attenzione a non creare grumi, il lievito, lo zucchero, il latte, la buccia di limone e un pizzico di sale. Usiamo una frusta per amalgamare il tutto, fino ad ottenere un composto liscio.

Puliamo le mele, le priviamo della buccia, del torsolo, dei semi, e le tagliamo a dadini, per poi unirle al composto che avevamo preparato in precedenza, mescolando bene per distribuirle in modo uniforme.

Io uso le mele annurche, molto diffuse in Campania, e non solo. Le trovo davvero ottime.
In una padella facciamo scaldare l’olio di semi. Quando avrà raggiunto la temperatura giusta versiamo il nostro impasto a cucchiaiate. Le dimensioni sono un fatto di gusto personale, ma suggerisco una dimensione media. Preoccupiamoci, inoltre, di lasciare un po’ di spazio tra una frittella e l’altra, perché con il lievito tenderanno a gonfiarsi.

Quando saranno piacevolmente dorate su tutti e due i lati le prendiamo con una schiumarola e le mettiamo sulla carta assorbente per eliminare l’unto in eccesso.

Spolveriamo con abbondante zucchero a velo e le serviamo calde, anche se vi assicuro che sono ottime anche fredde.

Se le mangiamo come dolce, è quasi d’obbligo accompagnarle con un liquore alle mele, se ne trovano anche artigianali, o con un bicchierino di sidro.

Buon appetito!

Print Friendly, PDF & Email

Autore Carolina Barra

Carolina Barra, impiegata in pensione, profonda conoscitrice del cibo in tutte le sue declinazioni, adora cimentarsi nei piatti tipici della tradizione e scoprirne i trucchi per poterli tramandare.