Home Territorio Francesco Trapani vince concorso ‘Rara Avis. Moda in Volo’

Francesco Trapani vince concorso ‘Rara Avis. Moda in Volo’

328
Francesco Trapani


Download PDF

Lo studente dell’Accademia Koefia premiato per l’ideazione e la realizzazione di un abito ispirato alla mostra visitabile fino al 21 luglio

Riceviamo e pubblichiamo.

È Francesco Trapani, studente dell’Accademia Koefia, il vincitore del Concorso indetto dal Parco archeologico del Colosseo per la realizzazione di un abito ispirato alla mostra ‘Rara Avis. Moda in Volo alle Uccelliere Farnesiane’.

È stato annunciato nel corso di una cerimonia di premiazione tenutasi oggi 4 luglio nella monumentale Curia Iulia nel Foro Romano, antica sede del senato romano.

Il vincitore e gli altri partecipanti frequentano le Accademie e le Università di moda di Roma tutte con un corso triennale di fashion design nella propria offerta didattica: Accademia del Lusso; Accademia di Belle Arti di Roma; Accademia italiana; Accademia Koefia; Istituto di Moda Burgo; MAM – Maiani Accademia Moda; RUFA – Rome University of Fine Arts.

La giuria, presieduta dalla Direttrice Alfonsina Russo, era composta da Massimo Cantini Parrini – Costumista, candidato a 2 premi Oscar; Sofia Gnoli – Studiosa di moda, professore associato Università IULM e giornalista; Simonetta Gianfelici – Fashion Icon e Creative talent curator.

Dino Trappetti – Presidente Fondazione Tirelli Trappetti e responsabile della Tirelli Costum, ha così motivato la premiazione:

Per l’originalità, la creatività e per l’accurata ricerca e sperimentazione, l’abito realizzato per Koefia da Francesco Trapani è stato proclamato dalla giuria all’unanimità vincitore del Concorso Rara Avis Moda in Volo 2024.

Descrizione abito: outfit composto da giacca con maniche a imbottiture sui fianchi ricoperta da pennellate in gel acrilico nero. Lungo tubino con profonda collatura a V sorretta da bretelle che si incrociano sulla schiena e una piccola coda a punta. Materiali: duchesse velluto.

Gli studenti hanno lavorato in ‘risposta’ alle suggestioni stilistiche offerte dalla mostra ‘Rara Avis. Moda in Volo alle Uccelliere Farnesiane’ allestita sul Palatino, in corso sino al 21 luglio, un’esposizione curata da Sofia Gnoli, studiosa di moda, docente presso l’Università IULM e giornalista che ha selezionato abiti e accessori di Haute Couture provenienti dagli archivi delle più celebri maison di moda internazionali.

Alfonsina Russo, Direttore del Parco archeologico del Colosseo, dichiara:

Una delle azioni a cui il Parco archeologico del Colosseo ha conferito un’assoluta priorità, è stata di contribuire alla valorizzazione della creatività contemporanea e la moda rappresenta in questo ambito un’eccellenza ampiamente riconosciuta a livello internazionale.

E sono proprio le Accademie di Moda, formando ogni anno veri talenti, a favorire questa sempre rinnovata vivacità culturale. Oggi presentiamo abbiamo presentato gli esiti di un concorso dedicato agli studenti delle Accademie e che il Parco, nell’ambito degli eventi correlati alla mostra ‘Rara Avis. Moda in volo nelle Uccelliere Farnesiane’, ha fortemente voluto proprio per assicurare una vetrina all’importante attività condotta da queste scuole di alta formazione.

Gli abiti, che hanno avuto quale fonte di ispirazione le straordinarie creazioni di haute couture esposte nella mostra, sono stati realizzati dagli studenti di sette Accademie di moda romane. E tutti per creatività, eleganza e cura dei particolari si connotano come un’ammirevole espressione di una nuova generazione di stilisti.

A loro rivolgo un dovuto plauso e l’augurio più sentito, da parte del Parco archeologico del Colosseo, di un prossimo futuro pieno di successi, che con l’entusiasmo e la professionalità, di cui oggi siamo testimoni al cospetto delle loro creazioni, certamente raggiungeranno.

E l’impegno del Parco sarà sempre di assicurare ospitalità alle più alte espressioni della creatività contemporanea, in grado di vivificare e diffondere una rinnovata energia positiva a luoghi iconici per la storia e la cultura italiana, come la Curia Iulia, antica sede del Senato romano, che oggi ci ospita.

Print Friendly, PDF & Email