Home Territorio Fondazione Arena di Verona: Sovrintendente Gasdia su morte Zeffirelli

Fondazione Arena di Verona: Sovrintendente Gasdia su morte Zeffirelli

460
Cecilia Gasdia, Pippo Corsi Zeffirelli e Franco Zeffirelli


Download PDF

La scomparsa del Maestro Franco Zeffirelli avviene durante la produzione della sua ultima Traviata che debutterà il 21 giugno

Riceviamo e pubblichiamo.

La tragica notizia della morte del Maestro Zeffirelli, creatore di sogni, è arrivata oggi, 15 giugno, in Fondazione Arena di Verona mentre fervono i preparativi definitivi per la prova generale della sua ultima e tanto attesa Traviata che debutterà il prossimo 21 giugno alla presenza già annunciata, ma ora ancora più significativa, del Presidente della Repubblica Mattarella.
Il Sovrintendente e Direttore Artistico Cecilia Gasdia, amica di Zeffirelli sin dai suoi giovanissimi esordi sulle scene, è stata colta di sorpresa in una giornata davvero intensa e, a nome di tutte le maestranze, i complessi artistici ed impiegati amministrativi della Fondazione, dichiara:

Lo abbiamo amato incondizionatamente tutti, ha segnato la nostra vita professionale e personale in modo indelebile.

Vorremmo tutti avere oggi il tempo di fermarci e piangere liberamente l’uomo, l’artista, l’amico, ma se davvero vogliamo onorarlo come merita, questo lusso non ce lo dobbiamo né possiamo permettere: lo piangeremo lavorando al meglio, al massimo delle nostre forze per onorare il suo genio, perché la sua ultima Traviata, ma anche il suo Trovatore, brillino e contribuiscano al ricordo futuro del suo genio insostituibile.

Gli strumenti li abbiamo e il suo imprimatur pure, perché Traviata viene da lontano, un anno di lavoro intenso nel quale ogni dettaglio, ogni particolare è stato condiviso con i suoi storici assistenti e collaboratori della Fondazione Arena che ne hanno assorbito il pensiero.
Terminato questo doveroso omaggio potremo finalmente sfogare i nostri sentimenti privati e piangerlo. Ora dobbiamo lavorare ancora per lui anche se, purtroppo, senza di lui.

Ed è l’intera città di Verona che piange la scomparsa del Maestro, perché la sua impronta è forte nel tessuto urbano e sociale della città che lo sentiva amico e complice di tante estati.

Nella foto Cecilia Gasdia, Pippo Corsi Zeffirelli e Franco Zeffirelli durante la conferenza stampa di presentazione della Traviata.

Print Friendly, PDF & Email