Home Territorio ‘Florilegium’ riaccende la stagione culturale di Parma

‘Florilegium’ riaccende la stagione culturale di Parma

299
'Florilegium'


Download PDF

Nell’ambito del progetto del Gruppo Chiesi e Davines per la riscoperta dell’identità chimico-farmaceutica di Parma, inaugura all’Oratorio di San Tiburzio, il 2 giugno 2020 la prima personale italiana dell’artista britannica

Riceviamo e pubblichiamo.

La natura cambia forma per definizione. Una mostra come ‘Florilegium’, prima personale italiana di Rebecca Louise Law, che proprio dalla natura trae ispirazione e materia non poteva che adeguare il significato ai tempi mutevoli e imprevedibili dettati da una crisi capace di sconvolgere perfino i programmi di Parma Capitale italiana della Cultura 2020 e di Pharmacopea, progetto di riscoperta dell’identità chimico-farmaceutica della Piccola Parigi, promosso dal Gruppo Chiesi e Davines, di cui l’iniziativa è parte integrante.

Riprogrammata nel periodo compreso tra il 4 giugno e il 20 luglio 2020, con inaugurazione alle 10:00 di martedì 2 giugno, la mostra curata da OTTN Projects e sostenuta da Cosmoproject rappresenta ora, come l’artista stessa ha affermato, una ripartenza e un modo per ricordare chi non c’è più. Un tributo sottolineato anche dal rigoroso rispetto delle norme di sicurezza.

Il lavoro di questa artista, interessata all’evoluzione organica dell’opera, è una delle azioni del progetto Pharmacopea, nato per creare nuovi itinerari turistici che mettano in rete alcuni dei luoghi simbolo dell’identità storica cosmetico-farmaceutica della città, con l’obiettivo di riqualificarli, riscoprirli e aumentare l’attrattività del territorio.

Se, in una delle sue innumerevoli accezioni, cultura può essere considerata come l’insieme delle arti e delle pratiche che hanno contribuito a plasmare l’identità di una società o di un popolo, allora Pharmacopea – dal termine greco ϕαρμακοποιΐα, l’arte e le tecniche di preparazione dei farmaci – è cultura.

Cuore dell’esposizione – nella quale emerge il confronto con i temi dell’ambiente e del rapporto tra Uomo e Natura – sarà una grande installazione in evoluzione che, ideata appositamente per lo spazio dell’Oratorio di San Tiburzio, parte del complesso San Tiburzio che include anche l’Antica Farmacia San Filippo Neri, grazie alla collaborazione di Ad Personam, potrà essere osservata nei propri mutamenti.

Rebecca Louise Law è nota in particolare per le sue installazioni floreali larger-than-life e sculture site-specific. Le opere dell’artista britannica sono pensate e realizzate per evolvere durante il periodo della loro esposizione. I luoghi scelti sottolineano il perfetto innesto della mostra nel disegno di Pharmacopea, che intende riconnettere agli spazi depositari dell’identità chimico-farmaceutica cittadina le fonti storiche, i materiali d’archivio, gli antichi erbari e le farmacopee riemersi in un meticoloso lavoro di recupero.

Tale ricerca porterà alla realizzazione di una pubblicazione capace di tracciare una linea sino alle origini locali di questa sfera del sapere che caratterizza il territorio di Parma.

Sarà inoltre attivato un volontariato aziendale che contribuirà alla valorizzazione e all’apertura di questo patrimonio storico-culturale a cittadini, visitatori e, in particolare, a un turismo interessato alla sostenibilità, alla storia della cosmesi e della tradizione del benessere.

È stato infine sviluppato un Public Program con diverse iniziative.

Il calendario degli eventi sarà aggiornato in www.pharmacopeaparma.it.

Gli orari
Prima apertura al pubblico: 2 giugno 2020 dalle ore 10:00 alle ore 18:00
Apertura al pubblico: 4 giugno – 20 luglio 2020
Orario apertura: da giovedì a sabato dalle ore 10:00 alle ore 18:00
Aperture straordinarie: domenica 7 giugno dalle ore 10:00 alle ore 12:30 – domenica 5 luglio dalle ore 10:00 alle ore 12:30
Per maggiori dettagli: www.pharmacopeaparma.it.
Ingresso gratuito.

Rebecca Louise Law (1980, Regno Unito)
Cresciuta in un piccolo villaggio nel Regno Unito, si diploma alla School of Arts and Cultures presso l’Università di Newcastle. Le sue commissioni più importanti includono: ‘The Grecian Garden’, Onassis Culture Centre, Athens, ‘The Beauty of Decay’, Chandran Gallery, San Francisco, ‘Life in Death’, Shirley Sherwood Gallery, London, e ‘Community’, The Toledo Museum of Art. Le opere dell’artista sono state esposte al Victoria & Albert Museum, The Royal Academy of Arts, Broadway Studio & Gallery, Bo Lee Galley, NOW Gallery.

Per partecipare

Print Friendly, PDF & Email