Home Cronaca Ecco perché gli NFT alimenteranno il futuro del commercio

Ecco perché gli NFT alimenteranno il futuro del commercio

338
NFT - Non Fungible Token


Download PDF

Un nuovo strumento digitale: i Token Non Fungibili

I modelli di commercio esistenti sono monopolistici. Il commercio decentralizzato abilitato per NFT potrebbe offrire un’alternativa praticabile e salvare le piccole imprese.

Negli ultimi quattro anni, la scena blockchain ha ampliato il suo elenco di industrie perturbate quasi a un ritmo annuale. Durante il 2017 e il 2018, c’è stato l’ormai famigerato boom dell’offerta iniziale di monete (ICO).

L’anno successivo, sono stati i contratti intelligenti a monopolizzare le luci della ribalta.

Aprire la strada all’innovazione

Ethereum (ETH) si è affermato come un grande attore della scena introducendo funzionalità di contratto intelligente e, quindi, dando vita ad applicazioni decentralizzate personalizzabili (dApp). Ciò ha permesso a chiunque di creare una propria dApp, superando la necessità dei tradizionali giganti del software.

Il 2020 è stato l’anno della finanza decentralizzata (DeFi), che ha sostanzialmente decentralizzato la maggior parte dei servizi, se non tutti, delle istituzioni finanziarie tradizionali. Offre un’ampia varietà di possibilità di transazione peer-to-peer, come prestiti e prestiti, staking, yield farming e, persino, scommesse. Cosa abbastanza importante, l’ondata di DeFi ha stabilito un nuovo paradigma finanziario decentralizzato e ha aperto la strada a nuove innovazioni.

La non fungibilità consente nuovi tipi di transazioni

Utilizzando le scoperte accumulate negli anni precedenti, la scena dei token non fungibili (NFT) sembra essere abbastanza matura da attraversare un proprio boom nel 2021.

Lo stesso concetto di non fungibilità consente nuovi tipi di transazioni, in cui gli utenti non si limitano agli scambi monetari, ma possono godere dello scambio di beni, sia digitali che fisici.

I dati della transazione vengono conservati anche per le parti che effettuano la transazione, mentre le royalty del bene sono impresse per sempre sullo smart contract stesso.

In altre parole, gli NFT sono in grado di alimentare la prossima generazione di commercio, vale a dire il commercio decentralizzato (o dCommerce). Trading che è possibile fare anche all’indirizzo https://bitcoin-profit.org/it/.

La domanda “perché NFT e dCommerce non sono già diventati la prossima grande cosa” è ragionevole dato che il protocollo ERC-721 è emerso alcuni anni fa. In parole povere, è un’interfaccia standard per token non fungibili, noti anche come atti. Tuttavia, è importante prima capire il quadro in cui operano e quale schema stanno promettendo di interrompere.

Le aziende tecnologiche diventano oligarchi dell’e-commerce

Sebbene l’e-commerce sia arrivato a rivoluzionare il tradizionale status quo del commercio fisico, ha capitalizzato il concetto di transazioni commerciali online peer-to-peer (P2P) manipolandolo a proprio vantaggio.

Alcune aziende tecnologiche sono riuscite rapidamente a diventare oligarchi dell’e-commerce, controllando grandi quantità di attività commerciali su scala globale.

Ad esempio, la quota di mercato di Amazon da sola rappresentava quasi il 50% del mercato al dettaglio dell’e-commerce statunitense nel 2020. Con oltre 25 anni di esistenza, tali monopoli hanno sfruttato il loro ruolo di intermediari accumulando dati sui consumatori e catturando il plusvalore creato dagli utenti.

La frenesia della protezione dei dati degli ultimi anni ha attinto alle pratiche di gestione dei dati di diversi settori e il settore dell’e-commerce non fa eccezione.

In effetti, vari progetti basati su blockchain hanno tentato di interrompere il tradizionale schema di e-commerce che consente agli utenti di offrire alternative agli attuali processi di gestione e transazione dei dati.

Tuttavia, nonostante tali iniziative di dCommerce di primo livello abbiano gettato le basi per l’emancipazione degli utenti dai tradizionali giganti monopolistici, alcune esigenze dei consumatori (ad esempio fiducia, decentralizzazione e trasparenza dei dati) devono ancora essere affrontate. Quindi un’adozione di massa significativa di tali servizi non è ancora matura.

Alimentare la prossima generazione di dCommerce

La scena NFT può ora godere dei successi guadagnati duramente dei suoi predecessori crittografici e alimentare la prossima generazione di commercio decentralizzato.

Utilizzando gli NFT per eliminare gli intermediari dell’e-commerce, i consumatori possono godere di una nuova era del commercio peer-to-peer. Questa innovazione rivoluzionaria che le NFT possono abilitare riporterà il potere nelle mani del consumatore.

Consentirà inoltre ai rivenditori più piccoli di reclamare la propria posizione in mezzo al crescente dominio dei giganti dell’e-commerce, democratizzando e demonopolizzando così il commercio. Se questa non è una ricerca utile dei pionieri delle criptovalute, allora cos’è?

L’attuale attività commerciale nel mondo delle criptovalute è limitata all’inclusione di risorse solo digitali, che a loro volta disconnettono l’industria del commercio del mondo reale multimiliardario dai contratti intelligenti e dal web di prossima generazione.

Si può sostenere che l’aumento delle NFT dovrebbe di per sé alimentare un cambiamento di paradigma nella mentalità in questo senso. L’economia delle cose non dovrebbe essere limitata dalla loro “digitalità”: prodotti e servizi digitali possono essere abbinati a oggetti del mondo reale.

Print Friendly, PDF & Email