Home Territorio Dedalus aderisce alla XV Giornata Europea contro Tratta esseri umani

Dedalus aderisce alla XV Giornata Europea contro Tratta esseri umani

248
Giornata Europea contro la Tratta degli esseri umani


Download PDF

Iniziative di sensibilizzazione presso le scuole e con i ragazzi di Officine Gomitoli

Riceviamo e pubblichiamo.

Anche quest’anno, la cooperativa sociale Dedalus, impegnata da anni in progetti di contrasto allo sfruttamento e capofila del progetto ‘Fuori Tratta’, aderisce alla quindicesima Giornata Europea contro la Tratta degli esseri umani e lo fa con una serie di attività di sensibilizzazione, in programma a partire da oggi lunedì 18 ottobre 2021.
Da anni, infatti, è attivo in Campania il progetto Fuori Tratta, grazie al quale le cooperative sociali Dedalus, E.V.A. e Il Melograno, ARCI Salerno APS, l’Arcidiocesi di Capua e la Congregazione Suore Orsoline SCM conducono azioni per l’emersione, l’assistenza e l’integrazione sociale rivolte alle vittime di tratta e grave sfruttamento.

L’obiettivo della Giornata Europea è di accendere i riflettori su un tema di grande attualità.

Il claim scelto è #liberailtuosogno e si riferisce alla liberazione simbolica del sogno di migliaia di persone, uomini donne e bambini, che ogni giorno vengono portati con l’inganno dal loro Paese di origine in un altro allo scopo di essere sfruttati nell’ambito della prostituzione, sfruttamento lavorativo, economie illegali, accattonaggio forzato o del traffico di organi.

Negli ultimi anni, in particolare, i fenomeni legati alla tratta e al grave sfruttamento in Campania, si attestano non soltanto nelle province più densamente popolate – Napoli, Caserta, Salerno – ma anche nelle aree interne, le province di Avellino e Benevento, confermando gli intrecci tra i circuiti della tratta e la presenza diffusa sul territorio dei centri di accoglienza per richiedenti asilo.

Lo sfruttamento nella prostituzione in strada si registra con maggiore intensità a ridosso delle aree metropolitane ed interessa prevalentemente giovani donne provenienti dall’est Europa e dalla Nigeria, in misura residuale trans provenienti dal Brasile e donne cinesi.

Nello specifico delle donne vittime della tratta che entrano in contatto con i servizi dedicati, aumentano le richieste di aiuto da parte di donne gestanti e/o con figli minori al seguito; inoltre, emergono sempre più spesso intrecci tra la dimensione della tratta e quelle della violenza domestica e di genere.

Il grave sfruttamento lavorativo interessa prevalentemente uomini provenienti dall’Africa Sub-Sahariana, dal nord Africa e dal sud est dell’Asia, nonché donne e uomini dell’est Europa.

Il comparto agricolo rimane il settore di maggiore assorbimento della manodopera straniera, al tempo stesso, insieme alla zootecnia, al settore tessile-manifatturiero, al lavoro domestico, all’edilizia, quello maggiormente caratterizzato da molteplici forme di sfruttamento e caporalato.

Infine, si evidenzia una maggiore diffusione di altre forme di sfruttamento in economie illegali, come dimostrato anche dai percorsi di assistenza ai sensi dell’art.18 comma 6, D.lgs. n.286/9, realizzati nell’ultimo periodo, nonché un aumento di giovani nigeriani sfruttati nell’accattonaggio.

Per sensibilizzare le nuove generazioni su questi temi, la Dedalus distribuirà materiale informativo a docenti ed alunni presso le scuole della città di Napoli e ha previsto incontri con i ragazzi e le ragazze del centro interculturale Officine Gomitoli di Napoli, proiezioni multimediali, banchetti informativi e distribuzione di materiale presso Caffè dell’Orto – Fattoria Sociale Orto di Casa Betania a Benevento, una mostra fotografica a tema e momenti di riflessione presso la Prefettura di Avellino e il Makeba Village del Centro Fernandes a Castelvolturno.

Ma le azioni di sensibilizzazione non si fermano qui, gli enti attuatori del progetto Fuori Tratta continueranno a tenere accesi i riflettori sulla tratta, intervenendo sulla tematica in occasione di eventi formativi e seminariali ed esponendo striscioni in punti ben visibili alla popolazione.

Print Friendly, PDF & Email