Home Territorio Estero Dal Tour al cicloturismo: rilancio rapporti Toscana – Francia

Dal Tour al cicloturismo: rilancio rapporti Toscana – Francia

245
cicloturismo


Download PDF

Il Presidente Giani, l’Ambasciatore francese in Italia Martin Briens e l’Assessore Marras incontrano la stampa

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Dalle tappe del Tour alle strade degli itinerari cicloturistici. Il rilancio dei rapporti, già stretti, di amicizia e collaborazione tra Toscana e Francia viaggia sulle due ruote.

L’offerta cicloturistica del territorio toscano e alcune regioni francesi è stata al centro della conferenza stampa di stamani a Palazzo Strozzi Sacrati alla presenza tra gli altri del Presidente Giani e dell’Ambasciatore in Italia Martin Briens, in occasione della partenza della Grande Boucle da Firenze.

La partenza del tour vuole essere un segno di consolidamento di naturale amicizia che lega non solo l’Italia e la Francia ma ancor più la Toscana e la Francia.

Lo ha affermato il Presidente Giani, ricordando gli accordi di collaborazione che la Toscana ha con alcuni territori francesi, come quello sottoscritto alcuni mesi fa con la Regione Centro – Valle della Loira

nello spirito e nell’attuazione del Trattato di fine 2021 firmato tra il Presidente della Repubblica Mattarella e il Presidente francese Macron.

Giani ha sottolineato:

Per la Toscana le regioni francesi non sono ‘cugine’, ma ‘sorelle’.

L’Ambasciatore francese in Italia, Martin Briens, ha dichiarato:

La Toscana e la Francia hanno legami molto stretti, e grazie al tour de France più di un miliardo di telespettatori potranno ammirare la bellezza dei paesaggi italiani e francesi durante questa edizione, che renderà onore a coloro che hanno segnato la storia del Giro d’Italia, come Gino Bartali, il ‘Giusto’ tra le nazioni, Fausto Coppi, il Campione, e Marco Pantani, il Pirata.

L’Ambasciatore ha aggiunto:

Questi giorni solo l’occasione per valorizzare la nostra vasta offerta cicloturistrica della Francia che vuole presentarsi attiva e green con percorsi in bicicletta e tante idee sulle tracce del Tour de France.

E infatti Sandrine Buffenoir, nuova Direttrice di Atout France Italia, l’agenzia di promozione turistica francese, evidenzia quali sono gli obiettivi della Francia:

Entro il 2030 la Francia punta a diventare la prima destinazione delle vacanze in bicicletta in Europa, più di Germania e Paesi Bassi, con ben 19 mila chilometri di piste ciclabili, che già oggi accolgono ciclisti da tutto il mondo con oltre 9 milioni di vacanzieri, attirando il 20% dei turisti stranieri.

Un fattore di attrattività quello del cicloturismo, su cui

la Toscana sta investendo molto in questi anni, cercando di costruire un’offerta che accompagna il paesaggio e la passione per il ciclismo tipica dei toscani, uscendo dalla fase amatoriale e trovando le condizioni per diventare prodotto turistico

ha tenuto a ribadire l’Assessore all’economia e al turismo Leonardo Marras, che si è soffermato su alcuni dati:

L’Atlante del bike della Toscana ha censito oltre 16mila chilometri di itinerari tra strade segnalate, strade bianche, ciclovie, ciclopiste, a cui si affianca tutta l’offerta integrata degli alloggi, del bike friendly, degli operatori che possono offrire qualcosa.

Ci sono destinazioni come Siena e il suo distretto considerate la destinazione locale più importante e attrezzata al mondo proprio per l’evocatività che costituisce un patrimonio importante; ma questa è sicuramente solo una base di partenza perché abbiamo tanto da fare e imparare.

Siamo attraversati dalla via Francigena, un cammino già oggi divenuto ciclopista percorsa in bicicletta, un grande patrimonio su cui continuare a impegnare idee e risorse.

Durante la conferenza stampa ha inviato il suo video saluto anche il Direttore del Tour de France, Christian Prudhomme, dicendosi particolarmente orgoglioso della Grande Partenza del Tour dall’Italia:

L’Italia è un grande Paese ciclistico, una terra di grandi campioni. Il Paese ideale per ospitare la partenza del Tour 2024.

In chiusura anche l’intervento di Frédéric Meyer, Coordinatore Regionale Europa del Sud di AOUT France.

Anche da parte sua la sottolineatura del Tour de France come un modo per

rafforzare le relazioni tra i nostri due Paesi in nome dello sport, proponendo un modello di turismo attento alla natura e alla cultura, temi ai quali il turista di oggi è sempre più sensibile.

Print Friendly, PDF & Email