Home Lombardia Regione Lombardia Cordoglio di Cattaneo a familiari Bruno Gulotta e a popolo catalano

Cordoglio di Cattaneo a familiari Bruno Gulotta e a popolo catalano

535
Raffaele Cattaneo


Download PDF

‘L’insensatezza spietata del terrorismo potrà essere vinta solo dalla forza mite dell’amore’

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia.

Bandiere a mezz’asta al Pirellone per commemorare l’attentato avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri, 17 agosto, a Barcellona.

È stata colpita Barcellona, città cosmopolita, piena di turisti di moltissime nazionalità, simbolo di integrazione, di speranza e di rinnovamento.

Quanto accaduto ci addolora: l’Europa è ancora sotto attacco e appare vittima di una continua minaccia che si manifesta all’improvviso, colpendo persone inermi e luoghi dall’inequivocabile significato identitario.

Di fronte a questa nuova strage la condanna di autorità e istituzioni deve essere forte e unanime, consapevoli e fiduciosi che l’insensatezza spietata del terrorismo potrà essere vinta solo dalla forza mite dell’amore.

Questo il messaggio del Presidente del Consiglio regionale della Lombardia e Vice Presidente della Conferenza delle Assemblee legislative regionali d’Europa, Calre, Raffaele Cattaneo.

Aggiunge Cattaneo:

Oggi è il giorno del cordoglio e della solidarietà per la Spagna e per l’Europa colpita dalla morte di persone innocenti e siamo particolarmente vicini al popolo catalano e ai familiari delle vittime.

La nostra istituzione regionale si stringe con particolare affetto e vicinanza soprattutto alla moglie e alla famiglia di Bruno Gulotta, responsabile marketing e vendite della Tom’s Hardware di Legnano, padre di due piccoli bambini, travolto dalla folle corsa omicida di un furgone a soli 35 anni mentre era in vacanza.

La sua vita spezzata sulla Rambla, insieme a quelle delle altre vittime, chiede giustizia e nuove azioni concrete per combattere e debellare il terrorismo e ogni forma di tensione e odio. Alla famiglia, agli amici di Bruno e all’intera comunità di Legnano giunga l’abbraccio commosso del nostro Consiglio regionale.

Print Friendly, PDF & Email