Home Lombardia Regione Lombardia Consiglio regionale Lombardia: provvedimenti seduta 10 settembre 2020

Consiglio regionale Lombardia: provvedimenti seduta 10 settembre 2020

257
Palazzo Pirelli


Download PDF

Approvate mozioni e il provvedimento che vieta la caccia nel territorio di quattro valichi montani

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia.

Oltre alla mozione della maggioranza sull’emergenza Covid-19, nella seduta odierna il Consiglio regionale ha approvato altre due mozioni.

Nel primo documento, di iniziativa della Lega, si impegna la Giunta a eseguire la revisione del registro regionale delle strutture per la medicina sportiva accreditate e contrattualizzate, così da poter permettere l’ampliamento del numero delle strutture accessibili ed elevare il livello delle prestazioni tramite l’inserimento di centri meglio attrezzati.

Approvata anche la mozione presentata dal M5S che invita la Giunta ad aggiornare la Commissione sui controlli degli impianti idrici degli istituti scolastici, anche alla luce del rischio di infezioni da legionella.

È stata invece respinta la mozione, di iniziativa M5S, sul tema delle discriminazioni e delle violenze determinate dall’orientamento sessuale e l’identità di genere.

Via libera, infine, al provvedimento che esclude quattro valichi montani dall’attività venatoria. Con 51 voti favorevoli e 14 contrari, il Consiglio ha approvato l’atto che esclude quattro valichi montani in provincia di Brescia dalla possibilità di appostamento venatorio, poiché sono interessati alle rotte migratorie degli uccelli di passo.

I valichi in cui non ci si potrà più appostare sono il Passo del Tonale, il Passo di Crocedomini, Monte della Piana e Malga Mola. Nel raggio di 1000 metri dai valichi andranno smobilitati anche gli appostamenti fissi, i cosiddetti capanni.

L’Assemblea ha escluso dalla delibera i valichi di Capovalle e Sella di Mandro, oggetto di un emendamento del gruppo M5S, non approvato dall’Aula, perché situati in zone che non rientrano nelle aree di maggior tutela previste dal Piano Faunistico Venatorio della Provincia di Brescia.

Print Friendly, PDF & Email