Home Lombardia Regione Lombardia Consiglio regionale Lombardia approva ‘mozione Salis’

Consiglio regionale Lombardia approva ‘mozione Salis’

466
Consiglio regionale della Lombardia


Download PDF

Hanno votato a favore i gruppi di maggioranza e il gruppo Lombardia Migliore a seguito dell’accoglimento delle richieste di modifica proposte

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio regionale della Lombardia.

L’Aula ha approvato a maggioranza, 45 voti a favore, 19 contrari e 1 astenuto, la mozione sul ‘recupero coattivo delle morosità per occupazione di alloggi di edilizia popolare’.

Il testo originale è stato modificato in prima istanza in accordo con la Giunta e, successivamente, sulla base di due emendamenti presentati dal gruppo Lega e dal gruppo Lombardia Migliore e accolti dal proponente.

Il primo firmatario Marcello Ventura, FdI, illustrando il testo in Aula, ha detto:

La proprietà pubblica delle case popolari è un diritto fondamentale per garantire un alloggio dignitoso ai cittadini meno abbienti.

Nei giorni scorsi, si è appreso mezzo stampa, che l’Onorevole Salis ha occupato abusivamente un alloggio pubblico.

Si rileva, dunque, quanto affermato dai legali di ALER a mezzo stampa, dove è accertato che l’europarlamentare non ha saldato il debito accumulato e non ha fornito giustificazioni valide per la morosità.

Con questa mozione chiediamo alla Giunta di sollecitare ALER a mettere in atto le procedure legali previste per il recupero del credito vantato includendo l’inoltro di apposita istanza al Giudice competente per ottenere il pignoramento dei conti correnti dell’On. Salis fino alla concorrenza del credito vantato.

Ho voluto rimarcare l’importanza del rispetto della proprietà privata e della tutela del patrimonio pubblico: è inaccettabile che un rappresentante delle massime istituzioni comunitarie promuova comportamenti violenti e criminosi veicolando messaggi che vanno ad incentivare condotte illegali contro gli appartamenti di edilizia pubblica di Regione Lombardia.

Nella discussione generale sono intervenuti numerosi Consiglieri regionali.

Onorio Rosati, Alleanza Verdi e Sinistra:

Faccio i miei più vivi complimenti all’On. Ilaria Salis, neo deputata all’Europarlamento, per la quale mi onoro di aver fatto la campagna elettorale.

Il tema dell’emergenza abitativa è un tema serio, che va affrontato senza strumentalizzazioni.

A Milano ci sono 8.841 alloggi occupati e morosità per 86 milioni di euro per canoni non pagati.

Perché si parla solo del caso di Ilaria Salis? Perché la si ritiene già colpevole quando non è stato neppure avviato un procedimento giudiziario per accertare i fatti? Il garantismo vale per tutti o solo quando vengono indagati esponenti del proprio partito?

A nostro avviso questa mozione non avrebbe dovuto neppure essere discussa.

Nicola Di Marco, Movimento 5Stelle:

L’ALER Milano non fa il suo dovere. L’Assessore alla Casa di Regione Lombardia dovrebbe riqualificare case e assegnare alloggi, ma ciò non avviene.

Questo documento è inammissibile, noi come Consiglio regionale non possiamo indicare all’azienda ALER cosa fare nel caso specifico.

Il caso Salis è la prova delle condizioni disastrose in cui versa ALER Milano e il patrimonio immobiliare da essa gestito.

L’intervento del capogruppo del Movimento 5Stelle è stato interrotto da parte di alcuni Consiglieri del gruppo di FdI e la seduta è stata temporaneamente interrotta.

Luca Paladini, Patto Civico:

La maggioranza ha bisogno di una mozione faziosa e strumentale per distogliere l’attenzione dei media sulla scarsità del lavoro svolto finora.

Come già detto da altri, nutro seri dubbi sulla legittimità di questa mozione perché la Giunta regionale non può imporre ad un’azienda regionale cosa deve fare e cosa non fare.

Marco Bestetti, FdI:

Questa mozione rende manifesta la diversità radicale di vedute tra maggioranza e opposizione sul tema delle occupazioni abusive di alloggi privati o popolari pubblici.

Oggi sarà più facile capire chi sta con chi, chi sta con le persone per bene e chi sta con le persone che occupano abusivamente e non pagano.

Le sinistre difendono i centri sociali che impediscono gli sgomberi e di abusivi e, dunque, perpetuano una situazione di illegalità.

ALER ha tanti debiti perché ci sono tante Ilarie Salis che ritengono un diritto occupare una casa e non pagarla. Votando questa mozione ci auguriamo che le cose cambino.

Manfredi Palmeri, Lombardia Migliore:

Nulla ci accomuna a Ilaria Salis e alle sue affermazioni francamente irricevibili. Ilaria Salis non è Robin Hood e non è neppure Enzo Tortora, ma l’On. Salis ha diritto, come tutti, a un giusto processo.

La Legge e solo la Legge potrà accertare se la persona in questione è colpevole di occupazione abusiva.

Abbiamo proposto, dunque, alcune modifiche, in particolare abbiamo chiesto e ottenuto di espungere dal testo ogni riferimento ad personam.

Carmela Rozza, PD:

Il testo come emendato dalla Giunta non parla di occupazione abusiva, ma di morosità e, quindi, non è chiaro che cosa dovremmo votare.

Nel merito politico, la situazione dei quartieri di edilizia popolare è che ci sono centinaia di appartamenti sfitti e questo favorisce le occupazioni.

Il Partito Democratico è contro le occupazioni abusive, quindi, non è d’accordo con l’Onorevole Salis ma denuncia la strumentalità di questa mozione.

Se la Salis ha un debito riconosciuto dal Tribunale dovrà pagare, non cè dubbio. Dunque, questa mozione è inutile e strumentale.

Alessandro Corbetta, Lega:

Parliamo di una persona imputata per reati gravi in un Paese dell’Unione europea e scarcerata grazie alla sua elezione al Parlamento di Bruxelles.

Ricordo che nel 2017 la signora Salis ha partecipato con i suoi sodali del Collettivo Boccaccio di Monza ad un’aggressione nei confronti di militanti della Lega.

Abbiamo presentato un emendamento per porre l’attenzione sul tema generale delle occupazioni abusive e sulla necessità di garantire la legalità nei quartieri di edilizia popolare.

Giulio Gallera, FI:

Chi decide di candidarsi deve rispettare la Legge, questo ci interessa. Non l’esito delle vicende giudiziarie dell’On. Salis e neppure il saldo delle sue vere o presunte pendenze economiche nei confronti di ALER.

Spiace constatare che, da parte delle opposizioni, non sia emersa una chiara e indiscutibile condanna delle affermazioni oggettivamente eversive dell’On. Salis.

Sul fronte della gestione dell’edilizia popolare non accettiamo lezioni dalla sinistra, perché a Milano ci sono 4.000 alloggi sfitti di ALER e altrettanti del Comune di Milano gestiti da MM.

Lisa Noja, Azione – Italia Viva:

Non concordo con una parola dell’On. Salis e trovo gravissime le sue affermazioni.

Non concordo neppure con quanto ha affermato la Consigliera Rozza, che i fragili siano in qualche modo autorizzati ad occupare, perché si riproporrebbe una disparità di trattamento tra i prepotenti e chi rispetta le regole.

La mozione, tuttavia, è sbagliata e ho il dubbio che sia inammissibile, perché tratta di una persona singola e impone una linea di condotta in campo civilistico all’ALER.

L’approvazione di questo testo sarebbe un precedente grave e per questo il nostro gruppo non la voterà.

Fabrizio Figini, capogruppo di Forza Italia, ha detto:

L’Onorevole Salis è anarchica, ovvero va contro le regole e non rispetta quello Stato di diritto di cui fa parte, anche e soprattutto in virtù del ruolo istituzionale che ora ricopre.

Per questo non possiamo accettare lezioni da lei, per questo, con questa mozione, affermiamo, con forza e chiarezza, che occupare una casa è un reato.

Come diceva Silvio Berlusconi, coloro che difendono la Salis e l’hanno votata, alla fine si confermano solo dei ‘poveri comunisti’.

Il capogruppo di Fratelli d’Italia, Christian Garavaglia, ha sottolineato:

Abbiamo voluto rimarcare l’importanza del rispetto della proprietà privata e della tutela del patrimonio pubblico: è inaccettabile che un rappresentante delle massime istituzioni comunitarie promuova condotte illegali, violente e criminose veicolando messaggi che vanno ad incentivare condotte illegali contro gli appartamenti di edilizia pubblica di Regione Lombardia.

Occupare non è un diritto. Le regole vanno rispettate ad ogni livello, soprattutto da parte di chi riveste una responsabilità ed incarico a carattere istituzionale.

A favore della mozione si sono espressi anche Luca Marrelli, Lombardia Ideale, e Nicholas Gallizzi, Noi Moderati.

L’Assessore alla Casa Paolo Franco ha rassicurato l’Aula sul fatto che ALER fa sempre tutto quanto è previsto dalla legge per garantire il rispetto delle regole e il recupero dei propri crediti e così farà anche nel caso dell’On. Salis.

La situazione delle occupazioni dal 2019 al 2024 è leggermente migliorata, ha detto l’Assessore: siamo passati da 3.145 a 2.751 alloggi di ALER Milano occupati abusivamente.

ALER ha provveduto a querelare 1.000 occupanti abusivi nel rispetto degli affittuari regolari e dei cittadini in lista di attesa.

Ritengo necessario rivedere il protocollo d’intesa con la Prefettura per gestire in modo più efficace e rapido gli sgomberi in cui si rende necessario l’utilizzo della forza pubblica.

Print Friendly, PDF & Email