Home Territorio “Da…Ciccio Formaggio a…Napule mia” al Teatro Bolivar

“Da…Ciccio Formaggio a…Napule mia” al Teatro Bolivar

1189
Nino Taranto


Download PDF

In scena il 22 e 23 ottobre

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa di Hermes Comunicazione.

Dal 22 al 23 ottobre 2016 al Teatro Bolivar, via Bartolomeo Caracciolo, 30, Napoli, il Gruppo Musicale “Napoli Power” e Pina Canestrelli si esibiranno nello spettacolo “Da…Ciccio Formaggio a… Napule mia” di Pina Canestrelli, Bruno Troisi e Alessandro Mauro, Regia di Bruno Troisi.

In ricorrenza del 30° anniversario della scomparsa del grande attore e cantante Nino Taranto un percorso musicale che parte dalle origini della canzone classica napoletana e attraversa le varie influenze culturali di Napoli nel corso dei secoli, fino ai nostri giorni, tutto accompagnato dai personaggi che hanno reso celebre il grande attore e cantante Nino Taranto.

Nino Taranto nasce a Napoli il 28 agosto del 1907 e muore il 23 febbraio del 1986. Attore sia teatrale che cinematografico, Taranto era figlio di un sarto di Forcella e già all’età di nove anni si esibiva come cantante nelle feste di matrimonio. Sotto la guida di Salvatore Capaldo perfeziona la sua tecnica canora e nel 1924 esordisce sul grande schermo con “Vedi Napoli e poi muori”. Entra quindi a far parte della Compagnia dei piccoli del Teatro Partenope insieme a Pupella Maggio, Gino Maringola, Ugo D’Alessio, Nello Ascoli e molti altri.
Come macchiettista Nino Taranto ebbe un successo davvero strepitoso, frutto sia delle sue indiscutibili doti sia dei testi per lui scritti dal duo Pisano-Cioffi. Dalle tavole del palcoscenico passò presto ai teatri di posa cinematografici dove ebbe la fortuna di incontrare il Principe della risata ovvero Antonio De Curtis in arte Totò. Accanto a Totò, Taranto vede esplose la sue grande capacità attoriali riuscendo sempre a ritagliarsi un ruolo tutto suo, senza farsi travolgere dalla grandezza del Principe.
Tra le pellicole più belle si ricordano “I pompieri di Viggiù”, “Il monaco di Monza”, “Totò truffa ’62” e “Totò contro Maciste”.

Print Friendly, PDF & Email