Centro Teatro Spazio 30 anni da protagonista

Centro Teatro Spazio 30 anni da protagonista

175
Vincenzo Borrelli


Download PDF

Presentata la nuova stagione 2018-2019

Vincenzo Borrelli, direttore artistico del Centro Teatro Spazio di San Giorgio a Cremano (NA), ha tolto i veli alla nuova stagione della preziosa sala di via San Giorgio Vecchio.

Il CTS compie trent’anni e per l’occasione si regala una stagione importante, come sempre mix affascinante tra classica e nuova drammaturgia, con un occhio affettuoso ed incoraggiante per le nuove leve, da sempre “pallino” del direttore artistico, maestro di teatro e plasmatore di talenti.

Anche quest’anno il menu si presenta estremamente eterogeneo. In pochi altri teatri è possibile vedere accostati nomi e stili assai diversi, dallo stesso Borrelli fino a Giovanni Meola e Niko Mucci, da Luisa Guarro ad Antonio Diana.

Sarà un piacere rivedere in scena il lanciatissimo Vincenzo Attanasio, Antonio D’Avino e Laura Pagliara, una coppia che farà faville, la giovane ma promettente Marilia Marciello con Giovanni Esposito, l’estro di Luigi Credendino, l’esperienza di Stefano Ariota e di Salvatore Sannino, la solida presenza di Marina Billwiller e Nello Provenzano, e tanti altri.

E, naturalmente, l’anima del CTS; Vincenzo Borrelli, regista inquieto e sperimentale, attore mai banale e spesso spericolato, sempre pronto a scomporre e ricomporre.

Si parte col botto,con il ritorno di ‘O curt, festival di corti teatrali, dal 12 al 13 ottobre, che si segnala in forte crescita, come testimoniano le numerose adesioni da tutta Italia.

Lo stesso Vincenzo Borrelli, direttore artistico del teatro, firmerà le regie di Jonesco, ‘Attesa’, con Vincenzo Attanasio liberamente ispirato a ‘Le Sedie’, di C. de Laclos e ‘Merteuil vs Valmont’, testo di Maurizio Tieri liberamente tratto da ‘Le relazioni pericolose’, proponendo anche però spettacoli contemporanei come 1647 da lui scritto e diretto.

La stagione comincerà con ‘Totò che padre’, dal 3 novembre, ma dopo si avvicenderanno sul palco tanti professionisti dello spettacolo, come Libero De Martino, che metterà in scena un adattamento da Cechov dal titolo ‘Orsù’, ancora Il Teatro di sotto con un adattamento di ‘Tre pecore viziose’ e Teatro Madrearte porta in scena ‘Scherzi da preti’ di Antonio Diana. Andrà poi in scena lo spettacolo di Enzo D’Aniello dal titolo ‘Na manciata ‘e fave’, seguiranno Teatri Associati che presentano ‘Usciti pazzi’ per la regia di Niko Mucci, Giovanni Meola presenta ‘Voci fiammingoletane’ e ancora Luisa Guarro con ‘L’immoralista’ di Luisa Guarro e Antonio Mocciola. A maggio conclude il cartellone Uno Spazio per il Teatro che presenterà Stefano Ariota e Vincenzo Borrelli in ‘Sei personaggi’.

C’è poi lo spazio dedicato ai giovani che durante l’anno vede in scena quattro spettacoli selezionati: ‘La panchina’, ‘Vite perdute’, ‘Il digiunatoio’ ed infine ‘Sintomi d’autunno’.

Continua anche per questa stagione il sodalizio Palcoscenici Irregolari, una rete regionale che unisce il Centro Teatro Spazio alle realtà del Laborateatro, Salerno, Magma Teatro, Torre del Greco (NA), Teatro di Sotto, Napoli e TTeatro Madrearte, Villaricca (NA).

La scelta di creare un circuito campano di collaborazione tra spazi si pone come finalità la diffusione di una cultura teatrale su tutto il territorio. Il progetto prevede la realizzazione di uno spettacolo coprodotto dalle diverse realtà ed eventi in location suggestive della regione.

Print Friendly, PDF & Email