Home Lombardia Regione Lombardia Cattaneo a Bruxelles per sessione plenaria Comitato delle Regioni

Cattaneo a Bruxelles per sessione plenaria Comitato delle Regioni

460
Raffaele Cattaneo


Download PDF

Il 30 novembre e 1° dicembre

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia.

Il Presidente del Consiglio regionale della Lombardia Raffaele Cattaneo sarà domani giovedì 30 e venerdì 1 dicembre a Bruxelles per prendere parte ai lavori della 126a sessione plenaria del Comitato Europeo delle Regioni presieduto da Karl Heinz Lambertz.
Tredici pareri e una Risoluzione saranno all’ordine del giorno di questa sessione plenaria, durante la quale verrà discusso e votato nel pomeriggio di giovedì anche il parere sulle strategie macroregionali di cui è relatore Raffaele Cattaneo.

Spiega Cattaneo:

Un migliore inserimento delle strategie macroregionali nelle politiche dell’Unione Europea dopo il 2020 è indispensabile e i programmi europei devono essere incoraggiati e indirizzati a sostenere meglio i progetti macroregionali.

È necessario instaurare maggiori sinergie tra le strategie macroregionali e i programmi gestiti direttamente dalla Commissione europea.

I programmi INTERREG, in particolare i programmi transnazionali e transfrontalieri, potrebbero avere un ruolo chiave nel finanziamento dei progetti di strategia macroregionale.

I lavori della sessione plenaria saranno introdotti dall’intervento di Pierre Moscovici, Commissario europeo per gli Affari economici e finanziari, la fiscalità e le dogane. Seguirà un dibattito sul possibile impatto della Brexit per le autorità locali e regionali nell’Unione Europea, durante il quale prenderà la parola anche il Commissario europeo per la Concorrenza Margrethe Vestager.

Questi i temi e gli argomenti dei tredici pareri in discussione:

  • Documento di riflessione sull’approfondimento dell’Unione economica e monetaria entro il 2025;
  • Il ruolo del waste-to-energy nell’economia circolare;
  • Atti giuridici che prevedono l’applicazione della procedura di regolamentazione con controllo;
  • Relazione sulla cittadinanza dell’Unione europea 2017;
  • Piano d’azione per una strategia marittima nell’area atlantica;
  • I nuovi sistemi di assistenza a livello locale e regionale;
  • Rivitalizzazione delle zone rurali attraverso gli Smart Villages;
  • Equilibrio tra lavoro e vita privata per genitori e accompagnatori;
  • Modernizzare la scuola e l’istruzione superiore;
  • La politica europea di concorrenza;
  • Prospettiva locale e regionale sulla promozione dell’innovazione del settore pubblico tramite soluzioni digitali;
  • Un’agenda europea per l’alloggio;
  • Attuazione delle strategie macroregionali.

Sarà infine adottata la Risoluzione sul Programma di lavoro della Commissione europea per il 2018.

Comitato delle Regioni: scheda
Il Comitato delle Regioni è un organo consultivo dell’Unione europea istituito nel 1994: rappresenta gli enti regionali e locali d’Europa ed è composto da 350 rappresentanti provenienti da tutti i 28 Stati membri.

Il Comitato delle Regioni offre alle Città e alle Regioni la possibilità di esprimere formalmente la loro opinione nel processo legislativo dell’Unione europea per assicurare che la posizione e le esigenze degli enti regionali e locali siano rispettate.

La Commissione europea, il Consiglio dell’Unione europea e il Parlamento europeo devono consultare obbligatoriamente il Comitato delle Regioni quando elaborano norme in settori che riguardano l’amministrazione locale e regionale come la sanità, l’istruzione, l’occupazione, la politica sociale, la coesione economica e sociale, i trasporti, l’energia e i cambiamenti climatici; in caso contrario, il Comitato delle Regioni può ricorrere alla Corte di Giustizia.

Una volta ricevuta una proposta legislativa, il Comitato delle Regioni elabora e adotta un parere e lo comunica alle pertinenti istituzioni dell’Unione europea. Il Comitato delle Regioni può esprimere pareri anche su propria iniziativa.

Ogni anno il Comitato delle Regioni si riunisce in 6 sessioni plenarie nelle quali vengono adottati pareri che riguardano mediamente dai 50 agli 80 progetti legislativi.
I componenti del Comitato delle Regioni sono rappresentanti eletti negli enti locali e regionali. Ciascun Paese indica i membri di sua scelta che vengono nominati dal Consiglio dell’Unione europea per un periodo rinnovabile di cinque anni.

Print Friendly, PDF & Email