Home Territorio Casa famiglia nel terremoto: iniziano i lavori a Tolentino (MC)

Casa famiglia nel terremoto: iniziano i lavori a Tolentino (MC)

325
Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII


Download PDF

Il 9 settembre la posa della prima pietra

Riceviamo e pubblichiamo.

Grazie alle donazioni raccolte tornerà a Tolentino (MC) la casa famiglia della Comunità Papa Giovanni XXIII gestita da Valentino Nobili e da Roberta Vitali.

Dopo la scossa di terremoto del 30 ottobre 2016 si era dovuta rifugiare nella Domus San Giuliano di Macerata; nella vecchia casa, oggi non più agibile, il sisma li aveva sorpresi in 11. La loro vicenda, in prima pagina del Corriere della Sera, aveva commosso l’Italia.

Lunedì 9 settembre 2019 alle ore 17:00 in Contrada Pianibianchi a Tolentino (MC) le autorità cittadine presiederanno alla posa della prima pietra della nuova casa, avviandone formalmente la costruzione.

Saranno presenti, fra gli altri, il Sindaco di Tolentino, Giuseppe Pezzanesi, il Vescovo Nazzareno Marconi.

Il progetto del nuovo edificio, che consentirà un massimo di 8 accoglienze, è firmato dall’ing. Gianfranco Ruffini; l’opera verrà realizzata dalle Imprese Alma di Tolentino e Rasom di Pozza di Fassa (TN).

Verrà posata una pergamena sul luogo dove sorgerà la cappellina, che è sempre presente nelle case famiglia ideate da Don Oreste Benzi. L’impegno per l’accoglienza delle case famiglia della Comunità Papa Giovanni è iniziato nel 1973 con la prima esperienza di Coriano (RN): delle vere figure genitoriali aprono le porte della propria casa agli emarginati dalla società. Sono oltre 200 oggi in Italia le case famiglia dell’associazione del sacerdote riminese.

Dopo la benedizione seguirà buffet.

Print Friendly, PDF & Email