Home Campania Comune di Napoli Buonanno commenta incontro al MiSe su Whirlpool a Napoli

Buonanno commenta incontro al MiSe su Whirlpool a Napoli

240
Whirlpool
The Whirlpool workers' march, promoted by the trade unions, after the announced closure of a factory in Naples for the next 1 November, Naples, 17 October 2019. About 200 workers were present. ANSA / CIRO FUSCO


Download PDF

‘Andare via da Napoli è inaccettabile, non lo permetteremo’

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Comune di Napoli.

Un incontro “duro e sofferto”, così lo definisce Monica Buonanno, assessora al Lavoro del Comune di Napoli, quello tenuto presso il Ministero dello Sviluppo Economico, ancora in corso solo tra lavoratori e sindacati, che ha visto al tavolo Whirlpool, Governo, istituzioni, lavoratori e organizzazioni sindacali sul futuro della sede di Napoli dell’azienda.

Spiega Buonanno:

Non è stata trovata ancora alcuna soluzione se non una posticipazione della data della chiusura dello stabilimento di via Argine, ad ora proposta per il 31 ottobre 2020.

Non accettiamo che a Napoli si consumi questa tragedia, combatteremo finché non verrà trovata una soluzione perché non paghino sulla propria pelle i lavoratori.

L’Assessore Buonanno nel suo intervento al Mise ha ricordato:

Le vertenze non si risolvono solo con i soldi e gli accordi, ma anche tenendo in considerazione pace e coesione sociale. A Napoli chiudere Whirlpool significa innescare una bomba ad orologeria, pronta ad esplodere travolgendo uomini, donne, famiglie e l’intero tessuto sociale.

L’ipotesi di mettere sul mercato l’azienda non soddisfa, perché espone ad ulteriore rischio i lavoratori e crea altre tensioni, minando concretamente l’economia di un’intera città e di una classe di operai che, quando c’è stato bisogno a parti inverse, non hanno fatto mancare il loro appoggio.

Amareggia, quindi, affermare ora che non sono stati fatti sufficienti passi avanti, nonostante siano trascorsi tre mesi da quando il Governo ha fermato i licenziamenti dei lavoratori napoletani della Whirlpool.

È assurdo pensare che vadano in fumo oltre 400 posti di lavoro devastando la vita dei lavoratori e delle loro famiglie, impoverendo ulteriormente il prodotto interno lordo di Napoli.

È chiaro che dopo otto mesi gli operai avrebbero meritato risposte concrete e maggiori garanzie; invece, si ritrovano a fare i conti con un ulteriore stop alla risoluzione della vertenza. I lavoratori avrebbero meritato di essere trattati con maggiore dignità. Avere maggiori garanzie.

E noi, come Amministrazione e a nome dell’intera città di Napoli, saremo al loro fianco in ogni passaggio della battaglia per restituirgliela, questa dignità che per alcuni pare non abbia valore.

Print Friendly, PDF & Email