Home Territorio Biennale internazionale di drammaturgia femminile

Biennale internazionale di drammaturgia femminile

576
Biennale internazionale di drammaturgia femminile


Download PDF

Il 18 marzo a Napoli la premiazione della vincitrice italiana

Riceviamo e pubblichiamo.

Sabato 18 marzo alle 17:30 e alle 19:30 nel Complesso di San Domenico Maggiore – Sala del Capitolo,. Ingresso libero. Un doppio appuntamento al femminile. Due associazioni di respiro nazionale e internazionale “La Società Italiana delle Letterate” e la compagnia teatrale “Metec Alegre” fanno rete e si incontrano a Napoli per costruire un luogo di veri e propri scambi artistici e intellettuali.  

Valorizzare e incentivare il ruolo delle drammaturghe, troppo spesso escluse dai circuiti ufficiali teatrali. È questo l’obiettivo del Concorso internazionale di drammaturgia delle donne, ora all’ottava edizione, ideato e diretto dal 1999 dalla regista teatrale Alina Narciso.

La giuria italiana, presieduta da Lidia Curti e coordinata da Chiara Guida del direttivo nazionale della Società Italiana delle Letterate, SIL, ha decretato la vincitrice Sonia Antinori per l’opera ‘E la tua anima sarà guarita’ e Federica Iacobelli e Marilena Manicardi per la segnalazione dell’opera ‘Nelle mani di Anna’.

Presente Amarilis Gutiérrez Graffe, Console Generale della Repubblica Bolivariana del Venezuela a Napoli.

Il concorso “La Scrittura della Differenza” si articola in varie fasi: la creazione e la nomina di una Commissione per la selezione dei testi, l’emanazione del bando di partecipazione e la sua diffusione a livello internazionale, la traduzione e la pubblicazione delle opere nazionali e internazionali.

A chiudere la manifestazione è il Festival di Teatro Femminile con la messa in scena delle opere vincitrici a carico di compagnie teatrali professionali. La cerimonia ufficiale, anche per l’VIII edizione, si terrà a L’Avana – Cuba, nel giugno del 2018.

Qualche numero della manifestazione: 14 Paesi coinvolti, Cuba, Italia, Argentina, El Salvador, Guatemala, Honduras, Cile, Colombia, Costa Rica, Ecuador, Repubblica Domenicana, Spagna e Venezuela, Brasile, 8 edizioni all’attivo, 1 a Barcellona, 4 a Napoli, 1 a Santiago de Cuba, 2 a L’Avana, 32 drammaturghe premiate.

La proclamazione segue la presentazione, alle 17:30 nella stessa sala, del libro ‘Terra e Parole’. Donne/Scrittura/Paesaggi a cura di Roberta Falcone e Serena Guarracino. Introduzione di Marina Vitale e Stefania Tarantino. Coordina Chiara Guida. Durante l’incontro l’attrice Alessandra Borgia darà voce al racconto Arcadia di Alina Narciso.

“La Scrittura della Differenza” è nata a Barcellona nel 1999. A partire dalla seconda edizione la manifestazione si è trasferita a Napoli per poi approdare a Cuba mantenendo in Italia solo un evento collaterale. La biennale si è trasformata in un evento non solo di drammaturgia ma anche di regia femminile, poco presente nelle programmazioni ufficiali dei teatri. L’intento è creare un movimento collettivo formato da tutte le coordinatrici, le vincitrici nazionali e tutte le “teatranti” che abbiano voglia di impegnarsi per la presenza della produzione artistica femminile in campo teatrale. Il concorso è rivolto esclusivamente a opere teatrali originali scritte da donne già professionalmente presenti nel mondo teatrale.

La Società Italiana delle Letterate, SIL, fondata nel 1995, è costituita da circa duecento scrittrici, insegnanti, studiose di varie letterature, giornaliste, ricercatrici e operatrici culturali di diverse generazioni e provenienti da varie regioni. Sono tutte, naturalmente, appassionate di libri e di storie e in quanto letterate si considerano innanzi tutto lettrici.

La SIL produce, diffonde e trasmette i saperi femminili dei quali la letteratura – intesa nel suo doppio senso di pratica di scrittura e di lettura – è strumento privilegiato ma non unico. Altre forme del narrare interessano la Società: quella teatrale, cinematografica, il lavoro poetico e la scrittura di testi multimediali, ogni forma di scrittura insomma di cui le donne sono protagoniste.

“La Escritura De La/S Diferencia/S”, la Scrittura della Differenza, è nata a Barcellona, Spagna, nel 1999 in collaborazione con la SGAE, Sociedad General de Autores y Editores de España. A partire dalla seconda edizione, 2000/2001, la manifestazione si è trasferita a Napoli, Italia, dove si sono svolte le prime quattro edizioni, 2000/2008. Paesi partecipanti Italia, Spagna, Cuba e Argentina. Da allora il cammino fatto è stato lungo e fruttuoso e, dopo le quattro edizioni in Italia, nel corso della V edizione, che ha avuto luogo a Santiago de Cuba, 8/13 marzo 2011, si è deciso che la biennale dovesse contare su una residenza fissa e che tale residenza fosse Cuba, mantenendo in Italia solo un evento collaterale. A tal fine, e riconoscendo di grande importanza l’obiettivo della manifestazione, nel 2012, il Consejo Nacional de Artes Escénicas de Cuba ha deciso che l’Evento si radicasse definitivamente a Cuba, con sede permanente a L’Avana. Dove difatti hanno avuto luogo la VI e la VII edizione, 1/10 marzo 2013 – 8/15 marzo 2015, e dove è prevista l’VIII edizione, giugno 2018.

Alina Narciso
Regista teatrale, drammaturga e organizzatrice, fondatrice della compagnia Metec Alegre che dirige dal 1996. Attualmente il suo lavoro si sviluppa tra l’Italia e Cuba. Qui si è svolta la VII edizione del Festival “La scrittura della differenza” di cui è la fondatrice oltre che la direttrice artistica e dove ha messo in scena molti spettacoli di grande successo tra cui ‘La Audiencia del los Confines’ di Jorgelina Cerritos, el Salvador, presentato anche al Teatro Mercadante di Napoli nel maggio 2013. Nel settembre 2015 al Teatro Stabile Nazionale di Napoli ha presentato, in Prima Nazionale, la versione per pubblico italiano di ‘Cuento de Aguas para voces y orquesta’ con compagnia mista italo-cubana.

Nella sua carriera artistica ha messo in scena circa una trentina di spettacoli ricevendo numerosi riconoscimenti e premi tra cui il Premio Nazionale di Drammaturgia “Il paese delle donne” 2012 per il testo Malena. Il suo lavoro si caratterizza per l’intreccio tra regia, scrittura scenica e organizzazione di eventi con una forte proiezione internazionale, soprattutto Spagna e America Latina, nei quali “la motivazione culturale e politica” dà origine e contesto a progetti specificamente artistici.

I suoi spettacoli sono stati invitati a partecipare a numerosi festival quali il Festival di Babilona – Bagdad, Iraq, o il Festival Internazionale de L’Avana. L’ultimo spettacolo diretto è ‘La Lupe, con el diablo en el cuerpo’, presentato in Prima Nazionale al festival “La scena delle donne” di Pordenone.

Biennale internazionale di drammaturgia femminile

Print Friendly, PDF & Email