Home Toscana Regione Toscana Balneazione in Versilia, quasi completati interventi su depurazione

Balneazione in Versilia, quasi completati interventi su depurazione

229
Balneazione


Download PDF

Fratoni: ‘Lavoriamo per l’obiettivo qualità’

Riceviamo e pubblichiamo da Agenzia Toscana Notizie.

Risultano tutti completati o in corso di realizzazione gli interventi che Gaia ha programmato sui vari impianti di depurazione della Versilia.

Una notizia che l’Assessore Federica Fratoni ha accolto positivamente stamani, 17 ottobre, durante il Comitato di vigilanza dell’accordo di programma sulla balneazione svoltosi a Viareggio, che è stato aperto proprio dalla comunicazione di Gaia con l’avanzamento dei lavori realizzati fino ad ora.

Presenti, oltre a Fratoni, ARPAT e tutti i soggetti firmatari dell’accordo, i Comuni di Viareggio, Pietrasanta, Camaiore, Forte dei Marmi, Montignoso, Massa, e anche Carrara, AIT, il Consorzio di bonifica Toscana Nord e Gaia.

Migliorare stabilmente la qualità delle acque della Versilia è l’obiettivo primario e richiede uno sforzo congiunto. La Regione è disponibile a concorrere con ulteriori finanze alla realizzazione di questo accordo di programma a patto che ogni ente coinvolto faccia responsabilmente la sua parte.

Messaggio chiaro con cui Fratoni ha ribadito la necessità di procedere speditamente sugli interventi strutturali e occuparsi anche di quelli contingenti funzionali al buon andamento della stagione turistica, come la realizzazione degli spandenti a mare e la sperimentazione con l’acido peracetico.

Ha sottolineato Fratoni a questo proposito:

Tornerò a sollecitare l’Istituto Superiore di Sanità per la convocazione del tavolo tecnico funzionale alla sperimentazione dell’acido peracetico.

Tre le tematiche focalizzate dall’incontro odierno: la necessità di aggiornare le attività di ispezione sugli scarichi fognari programmate dai Comuni, l’integrazione della collaborazione con l’Università di Pisa che dovrà mettere a sistema l’enorme quantità di dati informativi sui fossi della Versilia, sia collinari che restrostanti la costa, in modo da dare al Lamma la possibilità di inserirli nel suo modello che studia come le acque immesse in mare dai fossi sono movimentate dalle correnti, e infine la realizzazione degli spandenti a mare, frutto dell’accordo tra Regione e Comuni di Camaiore e Viareggio.

Ha proseguito Fratoni:

L’occasione di questa mattina ha consentito a tutti i soggetti coinvolti di operare una verifica sulle attività fin qui svolte e riprender la programmazione del lavoro per il prossimo anno.

L’obiettivo di migliorare la qualità delle acque di balneazione della Versilia richiede uno sforzo di tutti gli autori coinvolti che va dagli interventi strutturali sugli impianti di depurazione alle attività di contrasto all’abusivismo degli scarichi fognari, oltre alla collaborazione con l’Università di Pisa e con il Consorzio Lamma per approfondire il quadro conoscitivo e mettere in campo anche interventi contingenti a salvaguardia della stagione turistica.

Print Friendly, PDF & Email