Home Territorio Anastasyia Petryshak per la prima volta dal vivo a Milano

Anastasyia Petryshak per la prima volta dal vivo a Milano

245
Anastasyia Petryshak


Download PDF

Il 16 febbraio concerto – incontro alla Palazzina Liberty

Riceviamo e pubblichiamo.

Sabato 16 febbraio, ore 21:00, presso la Palazzina Liberty di Milano si terrà l’evento ‘Amato bene’, incontro tra musica e parole per conoscere da vicino il giovanissimo talento slavo, cresciuto in Italia, di una delle musiciste più promettenti della sua generazione, Anastasiya Petryshak. Musiche di Vivaldi, Debussy e Ravel. Anastasiya Petryshak, violino, Lorenzo Meo, pianoforte.
Nel racconto Anastasyia verrà accompagnata da Luisa Sclocchis, critica e giornalista.

La patria Ucraina, terra simbolo del violinismo mondiale, e le ragioni del precocissimo abbandono per trovare in Italia un clima più adatto allo studio, le difficoltà iniziali dalla lingua fino all’adattamento della famiglia, i primi traguardi, fra cui il rapporto con Andrea Bocelli sui palchi più importanti del globo, l’esperienza con Salvatore Accardo, la realizzazione dell’album Sony Classical con gli Archi dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, la collaborazione col Museo del Violino di Cremona e con il Politecnico di Milano per gli studi sui violini antichi: questi e tanti altri i temi che punteggeranno in parole l’intrigante repertorio per violino e orchestra tra Italia e Francia previsto per il suo debutto live milanese.

Un concerto e incontro in cui l’indubbio virtuosismo di Anastasiya verrà inverato dalla sua personalità, forte e delicata al contempo, dalla sua incantevole fisicità prerafaellita, per un approfondimento senza confini com’è nella natura di questi giovani musicisti internazionali vocati, per amore della musica, ad una visione del mondo senza barriere e particolarismi.

A cura di Milano Classica s. c. a r. l.
Ingressi
intero: €8,00 – under26, over65 e studenti: €5,00
www.milanoclassica.it
segreteria@milanoclassica.it
T. +39 02-28510173

Anastasiya Petryshak ‘Amato Bene’

Print Friendly, PDF & Email