Home Cinema Almanya – Cinema da far vedere ai tempi dello Ius soli

Almanya – Cinema da far vedere ai tempi dello Ius soli

991


Download PDF

Un piccolo grande film sull’importanza della società multietnica

Le sorelle Yasemin e Nesrin Samdereli, due ragazze tedesche di origine turca, hanno scritto la sceneggiatura di una delle pellicole più interessanti del Cinema moderno sull’integrazione. ‘Almanya’, diretto dalla stessa Yasemin, è una commedia intelligente ed esilarante che tratta, in maniera originale, un tema universale e delicato come l’immigrazione, in modo specifico la multietnicità della società contemporanea.

L’idea si è sviluppata nelle due giovani accorgendosi che i racconti sul passato della loro famiglia immigrata in Germania interessavano e facevano presa su qualsiasi tipo di persona.

Così, dalla realtà, è arrivata l’ispirazione per narrare la storia di Huseyin Yilmaz, patriarca di una famiglia turca emigrata negli anni ’60 in terra teutonica, nel periodo in cui l’Almanya, come si dice in lingua turca, ricercava quanta più manodopera possibile tanto da non bastargli solo quella degli immigrati italiani e spagnoli.

Dopo una vita di sacrifici e lavoro lontano dalla patria, Huseyin finalmente realizza il sogno di comprare una casa nel paese dove è nato e l’intenzione è quella di farsi accompagnare in Anatolia da figli e nipoti per sistemare la dimora.

Nonostante lo scetticismo e la scarsa volontà, l’intera famiglia si mette in viaggio mescolando alle avventure che vive all’arrivo nella terra d’origine i ricordi tragicomici dei primi anni in Germania, con le difficoltà e le incredibili differenze culturali che avevano fatto pensare di essere capitati in un posto talmente assurdo in cui sarebbe stato impossibile vivere.

Tra i segreti celati per anni e quelli recenti difficili da confessare, il tragitto si rivelerà una sfida per l’unione della famiglia; ma, soprattutto, una rivelazione di come le proprie origini siano radici da proteggere e conservare per tramandare la loro importanza di generazione in generazione, perché

siamo la somma di tutto quello che è successo prima di noi, di tutto quello che è accaduto davanti ai nostri occhi, di tutto quello che ci è stato fatto; siamo ogni persona, ogni cosa la cui esistenza ci abbia influenzato o che la nostra esistenza abbia influenzato, siamo tutto ciò che accade dopo che non esistiamo più e ciò che non sarebbe accaduto se non fossimo mai esistiti.

Le situazioni divertenti del film sono innumerevoli e quasi nessuna è inserita in fase di sceneggiatura per caso o per strappare la risata facile: il tema dell’integrazione viene affrontato non in maniera ipocrita e certo non dando per semplice e scontato l’approccio tra due culture differenti.

L’immigrazione raccontata ai bambini

La parabola del milionesimo e uno lavoratore immigrato in Germania ha il sapore delicato delle favole raccontate ai bambini e allo stesso tempo l’intensità di una storia condivisa da milioni di esseri umani che hanno dovuto cambiare stile di vita oltre che Paese ritrovandosi molte volte alle prese con diffidenza e intolleranza.

La storia di nonno Huseyin narrata al nipotino per fargli capire le origini della famiglia, in seguito alla sua legittima domanda

ma sono turco o tedesco? Non posso essere tutti e due, devo scegliere in che squadra giocare

è un astuto espediente per rendere possibile cinematograficamente il doppio profilo temporale del film evitando di appesantire l’irruzione dei flashback come capita fin troppo spesso nelle pellicole moderne.

L’impronta sociale di ‘Almanya’, di estrema attualità, è rappresentata dalle tre generazioni della famiglia turca protagonista della storia, che vive in Germania ormai integrata al punto che molti dei componenti sono tedeschi di nascita e, a parte gli anziani genitori, gli altri sono cresciuti fin dalla tenera età in Almanya tanto che il viaggio in Turchia viene vissuto inizialmente da loro con diffidenza e con la base pregiudiziale che hanno acquisito nella patria di adozione nonostante gli insegnamenti paterni.

Alcune immagini da cartolina dell’Anatolia incorniciano momenti di bellissimo cinema regalati dall’opera prima di Yasemin Samdereli, su tutti il poetico funerale di ispirazione felliniana che ricorda una scena significativa di ‘Big Fish’ di Tim Burton.

La frase dello scrittore Max Frisch

chiedevamo dei lavoratori e sono arrivate delle persone

che si legge prima dei titoli di coda è l’emblema di un film che va considerato rappresentativo dell’Europa moderna, della speranza che divenga finalmente una società consapevolmente, pacificamente e inevitabilmente multietnica.

Print Friendly, PDF & Email

Autore Paco De Renzis

Nato tra le braccia di Partenope e cresciuto alle falde del Vesuvio, inguaribile cinefilo dalla tenera età… per "colpa" delle visioni premature de 'Il Padrino' e della 'Trilogia del Dollaro' di Sergio Leone. Indole e animo partenopeo lo rendono fiero conterraneo di Totò e Troisi come di Francesco Rosi e Paolo Sorrentino. L’unico film che ancora detiene il record per averlo fatto addormentare al cinema è 'Il Signore degli Anelli', ma Tolkien comparendogli in sogno lo ha già perdonato dicendogli che per sua fortuna lui è morto molto tempo prima di vederlo. Da quando scrive della Settima Arte ha come missione la diffusione dei film del passato e "spingere" la gente ad andare al Cinema stimolandone la curiosità attraverso i suoi articoli… ma visto i dati sconfortanti degli incassi negli ultimi anni pare il suo impegno stia avendo esattamente l’effetto contrario. Incurante della povertà dei botteghini, vagamente preoccupato per le sue tasche vuote, imperterrito continua la missione da giornalista pubblicista.