Home Lombardia Regione Lombardia Al via i corsi di Media education del Corecom Lombardia in Valtellina

Al via i corsi di Media education del Corecom Lombardia in Valtellina

229
Marianna Sala


Download PDF

Sala: ‘Importante acquisire competenze e capacità di comprensione’

Riceviamo e pubblichiamo dall’Ufficio Stampa del Consiglio Regionale della Lombardia.

Al via i corsi di media education del Corecom Lombardia negli istituti scolastici della Valtellina, in modalità e-learning, per affrontare tematiche di grande attualità: uso responsabile delle tecnologie, cyberbullismo, disinformazione e fake news.

Si inizia domani, mercoledì 28 aprile, con le ragazze e i ragazzi di Sondrio, per poi proseguire con gli Istituti Comprensivi Garibaldi di Chiavenna, Fumasoni di Berbenno di Valtellina e Damiani di Morbegno e un Istituto superiore, il Liceo Piazzi – Perpenti di Sondrio.

L’offerta formativa copre le principali tematiche connesse alla comunicazione online fornendo così ai più giovani i giusti strumenti per navigare in Internet in modo consapevole.

Dichiara la Presidente del Corecom Lombardia Marianna Sala:

Lo sviluppo della società dell’informazione richiede a tutti, a partire dai più giovani, di acquisire le competenze e le capacità di comprensione che consentano ai ‘cittadini digitali’ di utilizzare i media in modo efficace e sicuro.

Per questa ragione, il Corecom Lombardia intende proseguire anche quest’anno l’impegno sui temi della media education, innovando contenuti e modalità di svolgimento dei propri corsi.

L’esperienza svolta dal Corecom nel corso del 2020 e in questi primi mesi del 2021 ci ha dimostrato che la pandemia da Covid-19 ha stravolto le fondamenta su cui si sono basate molte delle riflessioni sul ruolo del digitale nella vita dei più giovani e a riscoprire il senso profondo di un termine, deriso fino a ieri, come educazione civica.

Anche per questo riteniamo urgente lavorare sulla competenza e sull’educazione dei minori in ambito mediale, perché non possiamo correre il rischio di un’innovazione tecnologica non accompagnata da un’innovazione culturale.

Print Friendly, PDF & Email