Home Territorio Al Circolo Ufficiali della Marina Militare ‘Shoah – La cintura del Male’

Al Circolo Ufficiali della Marina Militare ‘Shoah – La cintura del Male’

389
‘Shoah - La cintura del Male’ al Circolo Ufficiali della Marina Militare di Napoli

Nuova tappa napoletana del “tour della Memoria” di Antonio Masullo

È stato presentato ieri, 13 marzo, alle ore 17:30, presso il Circolo Ufficiali della Marina Militare, in via Cesario Console 3/bis, Napoli, il libroShoah – La cintura del Male dello scrittore Antonio Masullo, Argento Vivo Edizioni.

A moderare l’evento, la dott.ssa Giovanna Passariello, giornalista e Presidente del comitato OdV – Ad Astra.

Relatori il Prof. Franco Biancardi, pedagogista dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli e l’Avv. Marcello Cocchi, giornalista, scrittore e regista.

Le letture di alcuni stralci del romanzo sono state a cura di Gianni Sallustro, attore ed Art Director dell’Accademia Vesuviana del Teatro e Cinema.

La dott.ssa Passariello ha aperto i lavori dedicando un pensiero alla Senatrice a vita Liliana Segre:

La Senatrice Segre, in questi giorni, ha ricevuto un attacco mediatico sgradevole. È stata accusata di essere una bugiarda; la Shoah stessa è stata indicata come un’intera falsità.

Noi siamo qui, oggi, con il nostro piccolo contributo, per smentire tutto questo, perché sei milioni di ebrei morti non possono essere una menzogna!

Queste parole hanno suscitato una grande emozione tra i presenti.

La dott.ssa Passariello ha voluto rispondere a tali accuse introducendo la lettura del primo brano del libro da parte del bravissimo attore Gianni Sallustro e dedicandola ai negazionisti, a chi vuole nascondere la verità a tutti i costi.

I reading che si sono susseguiti dopo ogni intervento hanno creato un’atmosfera di profonda commozione e partecipazione; la forza dell’interpretazione dei personaggi del romanzo ha dato voce e spessore a chi non ha più voce.

In particolare, Sallustro, con grande maestria, ha restituito dignità ed autorevolezza alla figura della Principessa Mafalda di Savoia, prigioniera nella baracca n.15 del lager nazista di Buchenwald.

Ha preso quindi la parola il Prof. Franco Biancardi specificando che l’argomento del testo è molto interessante sotto vari aspetti: storico, pedagogico ed esoterico.

Ha dichiarato:

Il nazismo non è sorto dal nulla, ma in seguito a vari eventi che hanno scosso il mondo al termine della prima guerra mondiale.

Quello che mi preme sottolineare è che le idee della “razza” non erano assolutamente nuove, né sono state un’invenzione del nazismo.
Erano già presenti ed operanti nella cultura dell’Ottocento, soprattutto nella seconda metà del secolo, quando veniva acclarata la supremazia biologica della razza bianca su tutte le altre. Hitler e i suoi seguaci si sono abbeverati di questa ideologia.

A tale aspetto storico si collega l’esoterismo. In effetti, il Nazismo seguì una strada esoterica che possiamo definire “nera” per distinguerla da quella “bianca”. Esoterico non è tutto ciò che si attiene ad una dimensione metafisica, che va al di là di ciò che è percepibile fisicamente, ma concerne la dimensione ultraterrena dell’essere umano.

L’Esoterismo bianco rappresenta una via privilegiata, che solo alcune persone, a livello iniziatico, possono compiere per riunirsi al Tutto.

Il pedagogista si è poi soffermato sui simboli nazisti, che si rifacevano alle rune, emblemi ancestrali. Ha concluso evidenziando che la Shoah vada ricordata non solo come momento commemorativo e di presa di distanza delle atrocità commesse in passato, ma come monito per il presente, per le tante shoah che esistono oggigiorno nei vari ambiti sociali e politici.

È stato poi il turno dell’Avv. Marcello Cocchi che ha messo in risalto che noi essere umani siamo stati creati per essere biologicamente empatici, facendo riferimento alle recenti ricerche sui neuroni specchio. Quindi, ha parlato del dolore, di come ognuno di noi abbia la capacità di “sentire” la sofferenza degli altri.

Ha spiegato, infine, in maniera esaustiva, il processo negazionista, sostenendo che non lo preoccupa tanto ciò che la mente umana tenta di non ricordare, quanto chi nega che determinate realtà siano veramente accadute.

Il Generale Carmine De Pascale ha rammentato come, durante la ricorrenza del 27 gennaio, abbia sempre invitato i suoi soldati a riflettere sul senso della Shoah.
Ha aggiunto che ciò che lo angustia sia appunto la corrente di pensiero negazionista, rammaricandosi e chiedendosi come sia possibile che si tenti di confutare un olocausto di sei milioni di ebrei, uccisi e torturati.

A questo punto ha preso la parola l’Architetto Mario Vernieri, ribadendo che il negazionismo è una corrente di pensiero antistorica. Ha poi voluto lanciare una “provocazione” alla moderatrice e all’Autore chiedendo quale sia stato il ruolo della Chiesa Cattolica in quegli anni.

Antonio Masullo ha spiegato di essere venuto a conoscenza di specifiche informazioni attraverso l’incontro, presso il Campo di concentramento di Fossoli, una frazione di Carpi (MO), di un partigiano e di un ex ufficiale della Wehrmacht, ormai deceduti, e ha ribadito, con forza, la necessità di una rivisitazione storica.

Infine, si è detto soddisfatto per la decisione del Papa di rendere pubblici gli archivi storici, affermando che si tratta di:

Un passo avanti, si spera, verso una nuova lettura degli eventi storici.

L’autore ha anticipato che il libro parteciperà, in ottobre, alla Fiera del libro esoterico che si terrà a Napoli e, nello stesso mese, approderà in teatro.

Il dibattito che si è innescato tra i relatori e la platea durante la presentazione del libro è stato molto vivace ed interessante, così come intensa e palpabile è stata la sinergia tra pubblico ed autore. Una serata molto piacevole e produttiva, per nulla stancante, nonostante sia durata circa due ore.

Da segnalare che ‘Shoah – La cintura del Male’ sta ottenendo continui consensi e conferme un po’ ovunque. Proprio il 12 marzo Masullo ha ricevuto comunicazione ufficiale che il romanzo ha vinto il prestigioso Premio Artistico Letterario Scriptura per la Sezione Edito. La cerimonia di consegna si terrà il prossimo 3 maggio nella chiesa dei SS. Apostoli di Nola (NA).

Registrato, anche stavolta, il sold out di libri, acquistabili anche online sul sito della casa editrice.

Non mancheremo di aggiornare i nostri lettori sulle prossime date del “tour della Memoria”.

‘Shoah – La cintura del Male’ al Circolo Ufficiali della Marina Militare

Articolo precedenteUn candidato al Nobel per la Pace al Premio Nazionale Alberoandronico
Articolo successivoAss. Grieco ai inaugurazione Scuola primaria di Capannoli (PI)
Maria Filomena Cirillo
Maria Filomena Cirillo nata a San Paolo del Brasile e vive in in provincia di Napoli,dopo aver vissuto per anni sul lago di Como.Il suo cammino spirituale e gli incontri che hanno caratterizzato la sua vita,portandola alla ricerca continua dell'essenza di ciò che si è,attraverso lo studio della filosofia vedantica,le discipline orientali di meditazione e l'incontro con Maestri che hanno " iniziato" il suo percorso spirtuale. Tra Materia e Spirito. Master Reiki-Consulente PNF- Tecniche meditative e studi di discipline orientali. Conduttrice di training autogeno e studi di autostima e ricerca interiore. Aromaterapista e massaggio aromaterapico